Archivi Blog

Francesco Totti

Что значит “Рома” для Франческо Тотти?
Трудно выразить, нелегко подобрать слова… Я думаю, мой сын сам поймёт, когда вырастет, что привязанность к “Роме” даёт тебе больше, чем другие привязанности. Для меня “Рома” – это всё: страсть, любовь, желание привести команду к любым высотам, которых только можно достичь.

... Потому что в первую очередь Франческо Тотти – болельщик “Ромы”…
– Всю свою жизнь. Быть капитаном команды – это честь и ответственность, но не это повлияло на меня.Так было сразу, с самого начала.

Когда вы вперыве были на стадионе?
“Рома”- “Наполи”, мы выиграли 1-0, когда Фёллер забил уже на исходе времени. Строительные работы шли, Курва-Зюд тогда ещё не было.

Ни против Сампдории, ни против Интера…
– На самом деле, я вообще не ходил на стадион. Слышать вопли Де Санктиса и то, что кричали тренеры, все это казалось мне бессмысленным

А в матче против Удинезе всё было нормально…
– Поэтому я и забил.

Являются ли слова “римский ублюдок” или “римский дерьма кусок” дискриминацией по территориальному признаку?
– Конечно, да! Двойные стандарты в действии

Когда пришлось забыть о Скудетто?
– В последние 4-5 игр, не раньше. Мы верили, мы шли первыми, потом вторыми, мы продолжали борьбу. Однако сейчас 99%, что всё кончено. 1% я оставляю на чисто арифметическую вероятность.

Вы сожалеете о чём-то?
В лиге – нет, я жалею о полуфинале Кубка Италии против Наполи. Не о втором матче даже, а о первом. Если бы мы выиграли 2:0 или 3:0, пошла бы совсем другая игра. Мы в прекрасном стиле обыграли Сампдорию, а также и Ювентус, и мы собирались победить и Наполи. Финал против Фиорентины – это было бы прекрасно, столько бывших игроков бы собралось.

Генуя – Ювентус?
Я был готов расколошматить свой телевизор, но – именно так выигрываются чемпионаты.

Почему вы проиграли его?
Потому что Ювентус очень силён. И недосягаем.

А почему недосягаем?
Потому что силён. Три года они выигрывают, отдадим им должное. А когда всё шло немного не так, им всегда немного помогали. Никто не станет этого отрицать.

Ювентус был сильнее, удачливее, и ему больше помогали?..
Да, и то, и другое, и третье.

А второе место вы боитесь потерять?
Нет, потому что всё зависит только от нас. Мы хотим завоевать его, как будто это наш Скудетто. Осталось 12 игр, и мы постараемся провести их как можно лучше.

Много ли вам не хватает, чтобы всё-таки завоевать Скудетто?
Совсем немного

Чего именно?
Троих новых игроков

Включая и отличного форварда?
Да, по отличному игроку для каждой линии.

Дрогба?
Если бы он согласился! Он ведь даже моложе меня (смеётся). С такими, как он, можно добиваться побед. Но в любом случае, не я отвечаю за трансферы, и никогда этим не занимался. Но с тремя новыми игроками эта команда могла бы победить в будущем году

И хорошо сыграть в Лиге чемпионов?..
Да, но сначала нужно ещё квалифицироваться туда (смеётся)

Вы всю жизнь об этом мечтаете?
Мне этого просто не хватает. Это мечта каждого Романисты. Это сложнее, чем завоевать кубок мира.

Агостино ди Бартоломеи?
“Я был ещё мальчишкой и помню мало, но все воспоминания только хорошие”

А вы бы назвали стадион его именем?
Да, или в честь кого-то другого, кто был великим романистой и кого с нами больше нет. Было бы просто великолепно почтить память их всех.”

А вы будете играть на новом стадионе, как говорит Паллотта?
Зависит от того, сколько его будут строить! Года два я точно ещё буду играть

Франческо Тотти осознаёт, кто такой Франческо Тотти?
Нет.

И никогда не осознавал?
Когда я бываю за границей. Когда меня видят и узнают, я говорю “Вау…”. С тех пор как я ношу десятый номер на майке и капитанскую повязку, у меня другая роль. Ведь я здесь вырос, всегда выступал в этой майке, но ответственность сильно повысилась. Но я принимаю это всё со спокойной душой. Я знаю свою силу – в первую очередь, ментальную. Когда у вас мяч в ногах, то, если вы хороший игрок, вы знаете, что с ним сделать, но истинная сила игрока – у него в голове.

Сила “Ромы” – вот в этих людях?
Как и в 2001 году. Давайте начнём отсюда заново и попробуем стать лучше. Все, включая тренера. У нас очень сплочённая команда.

Руди Гарсия?
Он особенный. Я думал, просто будет ещё один вызов для нас, ведь он молод, он иностранец. Но он делает великие дела. Это тренер, который может помочь нам победить. Он и партнёры по команде.

Пьянич?
Я не собираюсь заставлять игроков оставаться в команде. Он молод, он феноменален, и таких футболистов, как он, найти нелегко. Конечно, я отпускаю всякие шуточки. А он отвечает мне: “Не переживай”.

Стротман?
Он сразу же вписался в команду, выглядит, как будто давно в ней. Великолепный игрок. Я не ожидал, что он настолько силён, просто не знал. 20 миллионов евро? Вау, сказал я сам себе, должно быть, он просто супер. Вся команда очень привязалась к Кевину и относится к нему с большим уважением. Шестой номер на майке – не просто номер. Его носили игроки, творившие историю.

Как Алдаир?
У меня с ним отличные отношения. Он передал мне капитанскую повязку в Бергамо. Чудесный мужик. Мы до сих пор контактируем.

А с кем ещё вы по-прежнему общаетесь?
Кандела, Монтелла, ди Франческо. Я бы предложил Эузебио (ди Франческо) проиграть, если бы вышел на поле в матче против Сассуоло.

Капелло?
Грубоват, но переживал за команду. Впрочем, я с ним с тех пор ни разу даже не разговаривал.

Бальдини?
И с ним тоже.

Кубок мира в Бразилии?
Я привлёк бы Кассано. Он слегка ненормальный, но хороший. Я? Если я буду в форме, почему бы нет?

Пранделли?
Он не звал меня – и не думаю, что позовёт.

Дель Пьеро?
Он на связи, мы иногда переписываемся. Я, правда, больше общаюсь с Гаттузо и Джиджи (Буффоном), а также с Липпи. И у меня хорошие отношения с Каннаваро и Тони.

Дисквалификация Даниэле де Росси?
Когда кто-то из Ромы что-то такое делает, это всегда раздувают. Он знает, что был неправ, но действовал на уровне инстинктов. Я не намерен оправдывать его, он был неправ и поплатился за это, но мы не должны вешать на него всех собак. Просто такие вещи иногда случаются.

Вы стали бы играть вместе с Балотелли?
Не думаю, что такое может произойти. Единственно, разве что, в случае попадания в сборную. Мы здоровались, но после того, что произошло, с меня было достаточно. Напряженность постоянно нарастала, и то, как он себя повёл… Хватит.

Год начинался так хорошо…
Надо было набрать большое преимущество, но такого старта не ожидал никто!

Какую оценку вы сами себе поставили бы себе за первые семь игр?
Хорошую. В Милане в матче против “Интера” наша игра была даже лучше, чем сами забитые мячи. Я понял, что делал на границе нашей штрафной, ещё до того, как счёт стал 3-0.

Как вы полагаете, ваш прощальный матч будет сыгран между Ромой-2001 и Ромой-2015?
Да, вполне может быть. А может, я никогда не буду играть прощальный матч. Правду сказать, тренером я быть не хочу. Но может случиться, что когда я перестану играть, у меня появится желание тренировать, не знаю. Пока я играю. И есть мечты, которые мне хотелось бы осуществить с этой командой

Кто выиграет лигу чемпионов?
Мадридский “Реал”.

А Лигу Европы?
“Фиорентина” (как мы знаем, это предсказание не сбылось)

Кубок Италии?
Надеюсь, “Фиорентина”, ведь у них столько игроков из Ромы! (Фиорентина, как мы опять же знаем, проиграла)

Криштиану Роналду или Месси?
Криштиану Роналду.

Так что значит “Рома” для вас?
Что-то, что находится в глубине тебя, и выразить это невозможно.

© Tonino Cagnucci

Annunci

La giusta distanza

La doverosa distanza

La giusta distanza

Francesco Totti

Cristian ancora non me lo ha chiesto che cos’è per me la Roma, se dovesse farlo non sarebbe facile per me rispondere

Cos’è la Roma per Francesco Totti? 

Difficile da dire, non è facile trovare le parole per farlo… Mio figlio credo che lo capirà da solo crescendo che quando tifi Roma hai qualcosa in più rispetto agli altri. Per me è tutto, è passione, è amore, è voglia di portarla il più lontano possibile.

Perché Francesco Totti è soprattutto un tifoso della Roma.

Da sempre. Esserne il Capitano è un onore e una responsabilità che però non mi ha mai pesato. E’ stato così da subito.

La tua prima partita allo stadio?

Roma-Napoli quando vincemmo 1-0 con un gol di Voeller all’ultimo. C’erano i lavori allo stadio, non c’era la Curva Sud.

Neanche con la Sampdoria, nemmeno con l’Inter c’è stata.

E io infatti allo stadio non ci sono andato. Dico con l’Inter, perché con la Samp mi aveva fatto un effetto brutto. Sentire le urla di De Sanctis, quello che dicono gli allenatori mi sembrava senza senso, allora non ci sono andato.

Con l’Udinese è tornato tutto a posto.

E infatti ho segnato.

“Romano bastardo” o “Romano pezzo di merda” è discriminazione territoriale?

Sì, certo. E’ evidente. Su questa storia sono stati usati due pesi e due misure.

Andare allo stadio e tifare: è vero che da ragazzino stavi al Flaminio nel mitico derby vinto con un gol di Voeller, il derby con poche migliaia di romanisti? Era il 18 marzo del 1990. Cioè ieri.

Sì c’ero. C’è pure una foto con un cerchietto e dentro ci sto io. La prima volta andai con mio padre, al derby con Bruno Ripani. Sono partite da sogno queste.

Quand’è che il sogno quest’anno è finito?

Nelle ultime quattro-cinque partite, non prima. Noi credevamo allo scudetto, eravamo primi, poi secondi, stavamo lì. Ci credevamo. Comunque è svanito al 99%, un 1% me lo tengo. Così per l’aritmetica.

Il rimpianto di quest’anno?

Guarda che non è legato al campionato, ma alla semifinale col Napoli. All’andata, non al ritorno. Se avessimo vinto due, tre a zero sarebbe stata tutta un’altra partita.Avevamo battuto una Samp in ottima forma, avevamo battuto la Juventus e stavamo per battere il Napoli. Poi la partita secca con la Fiorentina sarebbe stata bella, con tanti ex,sarebbe stata una gara tutta da giocare.

I rimpianti… l’hai vista Genoa-Juventus?

Se l’ho vista? (fa una smorfia, vicino c’è pure Florenzi con Nanni che ne fanno un’altra, ndr) Tra un po’ spaccavo il televisore, ma uno scudetto si vince anche così

Perché l’abbiamo perso?

Perché la Juve è forte. Sono inarrivabili.

Perché sono inarrivabili?

Perché sono forti. Sono tre anni che vincono, va dato loro merito. Quando le cose andavano meno bene avevano sempre un piccolo aiutino. Dati di fatto, visibili, che nessuno può negare.

Mettiamola così: la Juventus è stata più forte, più fortunata o più aiutata?

Tutte e tre le cose.

A tuo figlio è difficile spiegare cos’è la Roma, ma come glielo spieghi quando non fischiano un rigore, quando non vedono un fuorigioco? 

Eh, guarda che succede veramente, a volte mi dice: “Ma papà perché l’arbitro non ha dato quel rigore?” e io gli rispondo: “Sono episodi a papà”. E perché quest’altra cosa? “È un episodio a papà”.

Temi anche per il secondo posto?

No, perché dipende solo da noi, vogliamo centrarlo come fosse il nostro scudetto. Purtroppo capitano questi episodi sfavorevoli a noi, ma se recriminiamo su tutto ci potremmo fare un film. Evitiamo. Mancano 12 partite, cercheremo di fare il massimo.

Episodi a parte, quando ci sarà la grande puntata? Quanto manca allo scudetto?

Poco.

Cosa?

Tre acquisti.

Anche un grande attaccante?

Sì. Un grande giocatore per reparto.

Si è fatto il nome di Drogba.

Magari venisse! E’ pure più giovane di me (ride) E’ con giocatori così che vinci. Comunque non sono io che faccio il mercato, né mai l’ho fatto. Ma con tre giocatori questa squadra può vincere il prossimo anno.

E fare una Champions di livello?

Prima annamoce eh (ride)… però sì.

Quello è sempre il tuo sogno?

Quella è la cosa che mi manca. È il sogno di tutti i romanisti. E’ più difficile che vincere un Mondiale.

Il 30 maggio saranno trent’anni da quella finale…

Ricordo poco. Ero piccolo. Ho dei flash…

Agostino Di Bartolomei.

Ero piccolo, ricordo poco ma di lui solo cose belle.

Lo intitoleresti lo stadio al lui?

Sì, a lui o a qualcuno che non c’è più è che è stato un grande romanista. Sarebbe bello poterli onorare tutti.

Ci giocherai nel nuovo stadio, come dice Pallotta?

Eh dipende quando lo costruiscono! Io questo e altri due anni li faccio sicuro.

Francesco Totti si rende conto di chi è Francesco Totti?

No.

Mai?

Quando vado all’estero. Appena mi vedono e mi riconoscono, mi dico “cavolo”. Da quando ho preso la 10 e la fascia da capitano ho avuto un ruolo differente da quello del semplice giocatore. Essendo cresciuto qui, avendo indossato sempre questa maglia, le responsabilità si sono moltiplicate. Ma le ho vissute con tranquillità. Conosco la mia forza, ma più che altro quella mentale. Quando hai la palla tra i piedi se sei bravo sai cosa farne, ma la forza di un giocatore è nella testa.

La forza di questa Roma sta nel gruppo?

Un gruppo così ce l’abbiamo avuto nel 2001 e io ne ho viste de cose eh… Ammazza se ne ho viste… La Roma deve essere questa e da qui bisogna ripartire e migliorare. Allenatore compreso. Siamo molto affiatati. C’è una grossa unione come quell’anno, quando eravamo un tutt’uno anche fuori. E Garcia è speciale. Pensavo ad un’altra scommessa: giovane, straniero… Invece ha fatto cose grandi.

Invece per lo scudetto ci dev’essere lui?

Sì, lui è l’allenatore che può farci vincere. Lui e questi compagni.

Hai detto a Pjanic di restare?

Non sto qui a dire ai giocatori di rimanere, ma spero lo faccia. È un giocatore giovane, fenomenale, trovarne così in giro per il mondo non è facile. Una battuta gliela faccio eh, ma poi ognuno sa se rimanere o no. La battuta gliela faccio spesso e volentieri, lui ti dice “sì sì, tranquillo”.

Kevin Strootman.

Lui si è inserito subito nel gruppo, sembra un veterano. Giocatore formidabile, giocatore che si è visto come approccio alla gara, come personalità. Non me lo aspettavo così forte, non lo conoscevo. È arrivato all’improvviso, in un periodo altalenante dove tutti andavano e venivano. Però, 20 milioni? “Cavolo”, mi sono detto, deve essere un top player.

Hai voluto tu la maglia per lui?

Tutta la squadra voleva la maglia. Il 6 è importante, l’hanno indossata, e la indosseranno giocatori che hanno fatto la storia.

Come Aldair.

Con Aldair ho un grande rapporto. A Bergamo mi lasciò la fascia. Un ragazzo splendido. Lo sento ancora.

Delle tue Roma chi senti ancora?

Candela sento spesso, oltre a Montella, Di Francesco… Fossi stato in campo col Sassuolo a Eusebio gli avrei detto di perdere. (ride)

Capello?

Un po’ rude, ma alla fine ci teneva al gruppo. Alla sua maniera. Comunque no, non ci ho più parlato, né l’ho sentito.

Con Baldini?

Nemmeno.

Cassano?

Si, l’ho visto a Roma-Parma. È mezzo matto, ma è simpatico.

Lo porteresti ai Mondiali?

Sì, e se continua così è giusto che ci vada.

E Totti ce lo porterebbe Totti in Brasile?

Perché no? Se sta bene, ce lo porterei.

Prandelli lo hai sentito?

Non mi ha mai chiamato e non credo mi chiamerà.

Del Piero?

A volte tramite sms lo sento, Gattuso e Gigi li sento di più. Lippi lo sento spesso, è venuto anche qui. Abbiamo un bel rapporto anche con Cannavaro e Toni.

Roma e l’Italia: Daniele De Rossi. La sua squalifica come l’hai vissuta?

Quando fa una cosa un romano si ingigantisce sempre. È la realtà dei fatti. Sa di aver sbagliato a fare determinati gesti, ma sono cose istintive. Non sto qui a giustificare, ha sbagliato, ha pagato ma non dobbiamo dargli addosso. Succede.

Succedono tante cose: giocheresti con Balotelli?

Non credo che possa capitare, credo che l’unico modo sia in Nazionale. Ci siamo salutati, ma per me è finita lì dopo quell’episodio. Era un accumulo di partite, di tensione, il suo modo di comportarsi… È finita lì.

Quest’anno era iniziata così bene…

Dovevamo prendere più punti di vantaggio lì. Nessuno si aspettava però una partenza simile.

E nemmeno un Totti ancora una volta così grande. Che voto ti dai nelle prime sette gare?

Un bel voto. A Milano contro l’Inter sono state più belle le azioni che i gol. Rivedendole, mi sono reso conto di cosa ho fatto al limite della nostra area sull’azione che ha portato al 3-0.

Rivedendoti un giorno, la tua partita d’addio sarà la Roma del 2001 contro la Roma del 2015? 

Sì potrebbe essere. Però magari non farò mai una partita d’addio. Non è che ho tanta voglia di allenare. Può darsi pure che quando smetto scatta la voglia di fare l’allenatore, non lo so. Adesso gioco. Ci sono dei sogni da raggiungere con questa squadra.

A proposito, chi la vince la Champions quest’anno?

Il Real Madrid.

L’Europa League?

La Fiorentina.

La Coppa Italia?

Spero la Fiorentina perché c’è mezza Roma.

Domanda per tutti: Cristiano Ronaldo o Messi?

Oggi Cristiano Ronaldo.

Domanda per te: cos’è la Roma?

Una cosa che hai dentro e che non riesci a dire.

Forse nemmeno a un figlio. Francesco Totti, il giorno della festa del papà. 

 

Francesco Totti gives Roma the recipe to win the Scudetto title

Roma captain Francesco Totti gave an interview to Il Romanista after returning into action during last Monday night’s home win over Udinese.

20140511_69467_werlktw--elrtkwl--rtk

What is Roma for Francesco Totti? 
“It’s hard to say, it’s not easy to find the words… I think my son will understand by himself when he grows up that supporting Roma gives you something more than the others. For me it’s everything, passion, love, desire to bring the team as far as possible.”

Because Francesco Totti is primarily a Roma fan…
“All of my life. Being the captain is an honor and a responsibility that has never weighed. It’s been like that immediately.”

Your first game at the stadium?
“Roma vs Napoli when we won 1-0 with a last-gasp goal from Voeller. There were works at the stadium, there wasn’t the Curva Sud.”

Neither against Sampdoria nor against Inter…
“And in fact I did not go to the stadium. Hearing De Sanctis scream and what coaches said seemed meaningless to me.”

Everything was alright against Udinese…
“That’s why I scored.”

Are “Roman Bastard” or “Roman piece of shit” territorially discriminatory?
“Yes, of course. Double standards were applied.”

When did the dream of the Scudetto end?
“In the last four or five games, not before. We believed, we were first, then second, we were there. However, it’s 99% gone. I’m keeping a 1% for the mathematics.”

Do you have any regret?
“It’s not about the league, it’s about the Coppa Italia semi-final against Napoli. Not the second leg, but the first one. If we had won two or three-null it would have been a different game. We had beaten Sampdoria in excellent shape and Juventus and we were going to beat Napoli. Then the final match against Fiorentina would have been great, with many former players.”

Genoa vs Juventus?
“I was about to break the TV, but that’s also how you win a championship.”

Why did you lose it?
“Because Juventus are strong. They are unreachable.”

Why are they unreachable?
“Because they are strong. For three years they have won, they must be given their merit. When things went less well they always had a little help. Nobody can deny it.”

Juventus were stronger, luckier and more helped…
“All those three things.”

Do you fear losing the second place?
“No, because it only depends on us, we want to get is as if it were our Scudetto. 12 games are left, we will try to do our best.”

How much do you lack to win the Scudetto?
“Little.”

What?
“Three signings.”

A great forward, too?
“Yes, a great player for each department.”

Drogba?
“If only he came! He’s even younger than me (laughs, ed). You win with players like him. Anyway I’m not in charge of the transfers, I’ve never done that. But with three players this team can win next year.”

And playing well in the Champions League…
“Yes, but let’s qualify first (laughs, ed).”

Has it always been your lifetime dream?
“That’s the thing I lack. It’s the dream of every Romanista. It’s harder than winning a World Cup.”

Agostino Di Bartolomei?
“I was you, I remember a little but only good things about him.”

Would you name the stadium after him?
“Yes, or after someone who is not here anymore and was a great Romanista. It would be great to honor them all.”

Will you play in the new stadium, as Pallotta says?
“It depends on when they build it! I will play two more years for sure.”

Is Francesco Totti aware of who Francesco Totti is?
“No.”

Never?
“When I go abroad. As soon as they see me and recognize me, I say ‘wow.’ Since I have worn the number 10 shirt and the captain’s armband I have had a different role. Having grown up here , having always worn this shirt, responsibilities have multiplied. But I’ve lived it with peace of mind. I know my strength, primarily the mental one. When you have the ball at your feet if you’re good you know what to do, but the strength of a player is in the head.”

Does the strength of Roma lie in this group?
“A group like in 2001. Let’s start over from here and improve. Including the coach. We are very close-knit.”

Rudi Garcia?
“He is special. I thought he would have been another challenge, young, foreign… But he has done great things. He is the coach who can help us win. Him and these team-mates.”

Pjanic?
“I’m not going to tell players to stay. He is young, phenomenal and it’s not easy to find players like him around the world. Of course I make jokes with him. ‘Don’t worry,’ he tells me.”

Strootman?
“He immediately fit into the group, he looks like a veteran. Formidable player. I did not expect him to be so strong, I did not know. 20 million euros? ‘Wow,’ I said to myself, he must be a top player. The dedication to Kevin comes from the entire team. The number 6 is important, it has been worn by players who made history.”

Like Aldair…
“I have a great relationship with him. He gave me the armband in Bergamo. A wonderful guy. We still keep in touch.”

Who are you still in touch with?
“Candela, Montella, Di Francesco… I would have told Eusebio to lose if I had taken the field against Sassuolo.”

Capello?
“A little rude, but he cared about the group. Anyway, I haven’t talked to him anymore.”

Baldini?
“Neither.”

The World Cup in Brazil?
“I would bring Cassano. He is a little crazy, but he is nice. Me? If I’m fine, why not?”

Prandelli?
“He hasn’t called me and I don’t think he will.”

Del Piero?
“I hear from him, we text sometimes, I keep more in touch with Gattuso and Gigi [Buffon], as well as Lippi. I have a good relationship with Cannavaro and Toni.”

Daniele De Rossi’s suspension?
“When a Roman does something it always gets bigger. He knows he was wrong, but things are instinctive. I’m not here to justify him, he was wrong, he paid but we should not blame him. It can happen.”

Would you play with Balotelli?
“I do not think that can happen, I believe that the only way would be in the national team. We greeted each other, but for me that was it after what happened. It was an accumulation of lots of tension, his way of behaving… It’s done.”

This year had started so well…
“We had to take more points of advantage, but no one expected a start like that.”

What rating would you give yourself for the first seven games?
“A good rating. In Milan against Inter our plays were better than the goals. I realized what I did at the edge of our area before the 3-0.”

Will your farewell match be played between the 2001 Roma and the 2015 Roma?
“Yes, it could be. But maybe I will never play a farewell game. I don’t really want to coach. It may happen that when I stop playing I will feel the desire to be a coach, I do not know. For now I play. There are dreams to achieve with this team.”

Who will win the Champions League?
“Real Madrid.”

The Europa League?
“Fiorentina.”

The Coppa Italia?
“I hope Fiorentina, since they have so many Roma players.”

Cristiano Ronaldo o Messi?
“Cristiano Ronaldo.”

What is Roma for you?
“Something you have inside and you can’t express.”

© Tonino Cagnucci & http://www.romanews.us

Francesco Totti nous dit TOUT !

Francesco Totti, nostro Capitano, s’est confié au journal Il Romanista dans le cadre d’une interview. Des sujets privés, pro ont été exposés et comme à l’accoutumé Il Pupone s’est livré sans langue de bois. Le Romafrenchclub a traduit pour vous l’interview !

Immagine

« Francesco … »

Que représente la Roma pour toi ?

– C’est pas facile à dire, difficile de trouver les mots. Je crois que mon fils comprendra tout seul en grandissant que quand tu supportes la Roma, tu as quelque chose en plus par rapport aux autres. Pour moi, c’est un tout : une passion, un amour et une volonté d’aller le plus loin possible. Être le capitaine de la Roma est un honneur et une responsabilité qui ne m’a jamais pesé.

Raconte-nous ton premier match ?

– C’était Roma-Naples, on a gagné 1-0 avec un but de Rudi Voeller à la dernière minute. Il y avait des travaux dans le stade, la Curva Sud n’existait pas à l’époque.

Tu n’as pas assisté au match contre la Sampdoria ni l’Inter ?

– Je ne suis pas allé au stade en effet. Je ne suis pas venu seulement pour l’Inter car le match contre la Sampdoria m’avait fait un effet terrible. Entendre les cris de De Sanctis et les consignes des entraîneurs, ca me semblait n’avoir aucun sens dans l’Olimpico donc j’ai décidé de ne pas venir pour le match de l’Inter.

Contre l’Udinese, tout est rentré ans l’ordre …

– Oui c’est vrai et en plus j’ai marqué.

« Romains batards » et « Romains bande de merdes » est-ce des discriminations territoriales pour toi ?

– Oui bien sûr. C’est évident! Sur cette histoire, il y a eu deux poids deux mesures.

A quel moment le rêve Scudetto s’est il envolé cette année?

– Dans les 4 ou 5 derniers matchs, pas avant! Nous croyions  au scudetto, nous étions leader puis second, nous étions dans la course. Désormais c’est fini à 99%. Je garde 1% juste pour l’arithmétique.

Le regret de cette année?

– Le regret ne concerne pas le championnat mais la coupe d’Italie. Le match aller et non le match retour. Si on avait gagné l’aller 2 ou 3-0, le retour aurait été une autre partie. On avait battu la samp, la juve et on était sur le point de battre le Napoli. Et puis la finale contre la Fiorentina aurait été belle, il y a tellement d’anciens romains la bas, ça aurait été un vrai beau match à jouer.

Pourquoi avons-nous perdu ce scudetto cette année?

– Nous avons perdu le scudetto car la Juve est inatteignable.

Pourquoi la Juve est inatteignable ?

– Parce qu’ils sont forts, ca fait 3 ans qu’ils gagnent, c’est tout à leur mérite. Quand les choses vont moins bien, ils ont eu la petite aide qu’il leur fallait. Les faits visibles le montrent, personne ne peut le nier!

La Juve est donc : plus forte, plus chanceuse, plus avantagée ?

– Un peu des 3!

Crains tu de perdre la 2eme place ?

– Non car cela dépend seulement de nous. Nous voulons centrer cet objectif car c’est un peu comme notre scudetto. Il reste 12 matchs, nous tacherons de faire le maximum.

Que manque t-il à la Roma pour gagner le titre?

– Peu de choses …

Quoi exactement ?

– 3 recrues!

un grand attaquant également ?

– OUi, un grand attaquant comme point de référence.

Le nom de Drogba a été évoqué …

– Oui, il peut peut être venir! Et puis il est plus jeune que moi (rires)! C’est avec ce genre de joueurs que l’on gagne! Après ce n’est pas moi qui fait le mercato et je ne l’ai jamais fait. Mais avec 3 joueurs en plus, cette équipe peut gagner l’année prochaine.

La C1 est toujours ton plus grand rêve ?

– C’est la seule chose qui me manque. C’est le rêve de tous les romanistes. C’est plus difficile à gagner qu’une Coupe du Monde.

Le 30 mai ce sera l’anniversaire souvenir de la finale de C1 perdue contre Liverpool à Rome?

– Je ne m’en souviens pas beaucoup, j’étais petit. J’ai juste des flashs …

Agostino Di Bartolomei

– J’étais petit, j’ai pas beaucoup de souvenirs mais de lui je n’ai entendu que des bonnes choses.

Nommerais-tu le stade à son nom?

– Oui, lui ou un autre individu qui a été un grand Romaniste. Ce serait beau de pouvoir les honorer tous!

Tu y joueras dans ce stade, comme dit Pallotta ?

– Euh ca dépend de la date à laquelle ils construisent le stade. Cette année et les deux prochaines, je pourrais y jouer sûr !

Francesco Totti se rend t-il compte de qui est Francesco Totti ?

– Non.

La Force de la Roma cette année est dans le Groupe ?

– Un groupe comme celui là, je l’avais vu en 2001 (année du dernier titre). La Roma doit être comme ça et de ça nous devons repartir et s’améliorer l’an prochain, entraîneur compris. Et Garcia est spécial. Je croyais que ce serait un N-ième pari avec un entraîneur jeune, étranger … au final il a fait de grandes choses!

Donc pour jouer le Titre ca passe par lui ?

– Oui, il est l’entraîneur qui peut nous faire gagner. Lui et son staff!

Tu as dit à Pjanic de rester à la Roma ?

– Je ne suis pas là pour dire aux joueurs de rester mais j’espère qu’il le fera. C’est un joueur jeune, phénoménal. Dénicher un joueur comme ca dans le monde ce n’est pas facile. Je lui fais quand même des blagues sur le fait de rester à Rome, à chaque fois il me répond OUI, oui sois tranquille!

Kevin Strootman

– Il s’est inséré très vite dans le groupe tel un vétéran. C’est un joueur formidable. Je ne le pensais pas aussi fort, je dois avouer que je ne le connaissais pas. Il est arrivé à l’improviste mais à 20 millions d’euros, je me suis dit « Put*** » çà doit être un grand joueur.

Des anciens de la Roma, qui côtoies-tu encore?

– Je suis souvent en contact avec Candela, également Montella et Di Francesco …

Capello?

– Il était un peu dur mais au final il tenait au groupe … A sa manière! Depuis nous n’avons plus échangés, parlés ensemble.

et Baldini ?

– De même

Cassano?

Je l’ai vu pour Roma-Parme. Il est à moitié fou mais est sympathique.

tu l’emmènerais au Brésil ?

Si il continue comme ça, il mérite d’y aller.

Et Totti, tu le prendrais dans le groupe pour le Brésil ?

– Pourquoi pas? si il est bien, je le prendrais.

As tu été contacté par Prandelli ?

Il ne m’a jamais contacté et je ne crois pas qu’il le fera.

Pourrais tu jouer avec Balotelli?

– Je ne crois pas que ça pourrait se produire sauf peut être en équipe nationale. Nous nous sommes salués mais pour moi c’est terminé depuis l’épisode des insultes/ expulsion lors de la finale de Coupe d’Italie contre l’Inter Milan. C’était une accumulation de matchs, de tensions, de modes de comportements … ça s’est finit là.

Qui gagnera la Champions pour toi cette année ?

– Le Real Madrid

L’Europe League ?

– La Fiorentina

La Coupe d’Italie ?

– J’espère la Fiorentina car c’est à moitié la Roma (Montella, Pizarro, Prade, Aquilani, …)

Pour toi, qu’est ce que la Roma?

– Une chose que j’ai en moi mais que je n’arrive pas à décrire, exprimer!

19 Marzo 2014

© Tonino Cagnucci & Romafrenchclub

“Zero alibi”

Gli arbitri ce l’hanno rubata a Torino?
Trentuno punti sul campo.

Che vuol dire?
Che è legittimo da parte della società manifestare il proprio disappunto nelle sedi competenti, che è legittimo da parte della tifoseria alzare la voce, ma poi stop, basta, punto, zero alibi, perché per quello che riguarda la squadra ’sta cosa non esiste.

Che esiste?
La Roma. Esiste quello che possiamo fare, quello che può fare la Roma, quello che dipende da noi. Nello spogliatoio non deve mai entrare il virus che gli arbitri possano influire sul risultato. Mai. E se avviene, allora devi pensare che può anche accadere il contrario. Io devo pensare a Floro Flores, a Zaza, quello – l’arbitro – è un fattore che non dipende da me. Perché se pensi all’arbitro durante la partita, tra adrenalina e tifosi, sei condizionato e magari lo mandi affanculo o fai un fallo che non devi fare.

A fine partita, a Torino, nello spogliatoio tra di voi non avete parlato dell’arbitro?
Tutti i discorsi sono stati messi a posto. Se qualcuno lo ha fatto dopo un secondo ha capito che non lo doveva fare. C’è la società, io mi fido, so che se deve fare qualcosa lo fa. Ma la squadra deve pensare che ci sono 27 partite da giocare. Punto. Detto questo, contro la Roma da altre parti nessuno può e deve parlare degli arbitri. Nessuno. L’ho detto perché qualcuno giustificando i vantaggi che aveva ottenuto in alcune partite qualche giorno prima aveva chiamato in causa la Roma. Qualcuno ha detto: “Io non parlo degli arbitri oggi perché non ne ho parlato nemmeno contro la Roma” alludendo a qualche favore per noi. No, tu non devi parlare degli arbitri perché alla Roma non è stato fatto nessun favore, alla Roma non è stato dato nessun vantaggio. Ecco che voglio dire con 31 sul campo. Punto.

Ecco che vuole dire Morgan De Sanctis. Punto e basta. Anche se non è mai abbastanza tutto quello che c’ha dentro ’sto portiere che è un portento. La rima baciata gliela dovrebbe Dante dopo che te lo saresti baciato in fronte quando è venuto a ballare l’haka impazzita della felicità sotto la vetrata a Udine. Spirito ultrà. Occhi sgranati sul presente, sempre pronto all’uscita, a parare le cattiverie su questa squadra che spiega lui quando è nata («Semplice: all’Open day»). Open, apposta lui chiude tutto. Probabilmente indossa i guanti anche di notte. Ha la perentorietà che gli arriva dal lavoro e dall’Abruzzo («se sono così è perché sono abruzzese: conta tanto per il mio carattere, anche Tancredi era abruzzese ma di Giulianova, io sono di montagna»). Tancredi era portiere di quale Roma…? Sssst, ma non per essere scaramantici, piuttosto perché è tutto troppo chiaro ai giocatori della Roma quest’anno e a giocatori come Morgan De Sanctis. Le sue parole sono sassi di Guardiagrele, il paese di pietra dov’è nato e dov’è cresciuto così: a Guardia della Roma, a guardia di una fede. Piccola grande vedetta romanista: «E’ finita una fase e adesso col Sassuolo ne inizia un’altra, vedrete». Vediamo, occhi aperti come i suoi su quel volto da Shining, professionista del Fight Club della vita, e barba rossa. “Caro il mio Barba Rossa studente in Filosofia” cantava un altro grande (grandissimo) abruzzese come Ivan Graziani. E non è solo un raccordo da cretini, è proprio così.

Studiavo filosofia. Mi sono iscritto all’università dopo il liceo scientifico grazie a un professore che mi aveva fatto avvicinare alla materia. Ho fatto due esami, poi il militare, poi il matrimonio e l’amore, poi ho lasciato perdere, ma magari un giorno ritorno a studiarla.

Filoso e pirata, perché Pirata?
Le avventure del Pirata Morgan, mi è stato dato a Napoli da Raffaele Auriemma. E Morgan per lo stesso motivo, a mio padre è piaciuto quel libro. Il soprannome mi va bene, ma da ragazzino mi chiamavano Super Fly, che mi piace molto e forse lo preferisco.

Come preferisci come numero di maglia, il 26 è per via del tuo compleanno, il 26 marzo?
No è perché sono arrivato a fine luglio e mi sono preso quello che era rimasto. Il fatto che io sia nato il 26 marzo è una coincidenza.

Anche Attilio Ferraris, il primo capitano della Roma è nato il 26 marzo.
Bello non lo sapevo.

Il suo motto era: “chi si estranea dalla lotta è un gran fijo de na mignotta”.
Ci sta. Lo dicevamo prima delle partite con Giorgio Rumignani, in serie B.

Anche questa è filosofia.
La filosofia ho smessa di studiarla, ma non di applicarla. Forse è semplicemente il mio modo di pensare, è una predisposizione quella che ho di capire perché uno fa e dice certe cose.

E i filosofi guidano i cambiamenti.
Io anche da giovane sono stato un profilo da leader, un punto di riferimento, con gli anni, con l’esperienza, questa posizione all’interno dello spogliatoio è cresciuta. Ma più che la filosofia è il fatto di essere sensibile agli altri e alle cose del mondo. Questo ti aiuta quando si tratta di spenderti per gli altri.

Qual è la filosofia di questa Roma?
Rudi Garcia.

Abbiamo rimesso la Chiesa al centro del Villaggio e una squadra al centro dello spogliatoio?
Mi ha impressionato quando è arrivato. Si poteva conoscere perché vai a vedere che ha vinto in Francia in una squadra come il Lille e ok lo sanno tutti, e l’idea te la fai che è bravo, ma quando l’ho conosciuto si è aperto un mondo. In due mesi ha parlato l’italiano e questo significa tanto. Non è solo la forma, ma i suoi contenuti, la chiarezza di quello che dice con chiunque. Io sapevo che ero arrivato in una squadra forte, malgardo i risultati degli ultimi due anni, io sapevo che ero arrivato in una grande Roma e se sono venuto è anche per questo perché sono pragmatico oltre che filosofo, ma quando ho conosciuto Garcia allora lì ho capito che potevamo essere grandi.

Perché che c’ha? Com’è?
È chiaro. La chiarezza con gli altri e con noi, fuori e dentro il campo. Lui ha una cultura generale importante che gli permette di mantenere a tutti i livelli con chiunque un linguaggio chiaro ed efficace. Di tenere testa, di guidare le cose. Ha fatto vedere a questa Roma qualcosa che questa Roma aveva bisogno di vedere: la consapevolezza di essere forte.

A Udine ha conosciuto Spalletti, assomiglia a Garcia n qualche cosa?
No. A parte il fatto che è un riferimento per tutti. Anzi c’è una differenza sostanziale.

Quale?
Spalletti usava anche il pugno duro, Garcia, no per il momento viviamo nell’autorità di Garcia senza che lui abbia mai avuto necessità di essere duro.

Allora non è vero che la cena col Chievo e il doppio allenamento sono state scelte del tecnico perché ha visto qualcuno allentare la presa?
No, non è vero. Giovedì abbiamo cenato solo perché giocavamo la domenica, il doppio allenamento oggi (ieri, ndr) c’è stato perché abbiamo avuto il giorno libero in più ieri (martedì, ndr). È strumentale pensare il contrario. Lo dico subito.

Cosa dici nello spogliatoio? Cos’ha di particolare uno spogliatoio che vince di fila le prima 10 gare?
Questo spogliatoio è un merito della società brava a scegliere certi giocatori con certe caratteristiche. Non bisogna sminuire le qualità morali dei ragazzi che ho trovato, forse erano rimaste bloccate, magari non erano riconosciute dall’allenatore e dall’ambiente. E poi il mister ha dato consapevolezza ai vecchi e ai nuovi. Questo gruppo si è assunto le responsabilità. Questo gruppo in tre mesi ha acquisito umiltà e pacatezza, cose mantenute malgrado l’inizio straordinario ed è questo che mi dà ulteriore certezza. E poi la certezza me la dà un’altra cosa.

Cosa?
L’insoddisfazione per il pari a Torino. Mi è piaciuta la reazione dopo il gol subìto e mi è piaciuta l’insoddisfazione che si respirava nello spogliatoi: è quello che mi dà la certezza che la Roma da adesso fino alla fine farà cose ancora più importanti.

All’Open Day De Sanctis disse ai tifosi: “vi faremo rialzare la testa”, dopo 10 vittorie e un pari è finita quella fase e ne è iniziata un’altra in cui la Roma è più consapevole della sua forza?
Sì e inizierà domenica col Sassuolo, e spero che sia più lunga e più soddisfacente pure della prima. Siamo più consapevoli ma sempre umili. Lo possiamo fare.

Liberi anche dall’assillo del record?
No, non c’entra. Mi piace pensare che quello che è successo nelle prime 11 partite possa ripetersi nelle prossime 27. Non sottovaluteremo mai l’avversario è un tranello che non ci possiamo permettere. In questo siamo saggi.

A proposito, ma ’sti saggi esistono?
Ma no, io ho giocato all’estero e in Spagna ci sono i quattro capitani. Qui ci siamo riuniti una volta sola. In quell’occasione c’eravamo io De Rossi, Mire (Pjanic, ndr), Totti, Benatia e Maicon, anche per le lingue, ma il tutto è avvenuto per una cosa che non c’entrava con il calcio. Questo consiglio dei saggi non c’è, se non ricordo male quella riunione è avvenuta dopo Livorno, c’era una questione da risolvere sui biglietti per i calciatori. Questa è l’unica riunione che io possa avvicinare a quello che chiamano “consiglio dei saggi”. È vero che il mister ha alimentato la storia dei saggi, ma ’sto consiglio s’è già sciolto: non ce ne è bisogno.

Borriello non è un “saggio” ma ce n’è così bisogno…
Sì e quando è rimasto siamo stati tutti contenti. Marco si è ritagliato uno spazio importante, voleva andare via per il rischio che non giocasse e nonostante il mercato non abbia portato alla cessione, si è messo a lavorare come nulla fosse. E i compagni lo hanno apprezzato. Il fatto è che lui ha questa immagine mondana, che invece non gli appartiene. Noi lo apprezziamo come uomo.

Di Totti cosa apprezzate? A parte il tutto che è in campo, cosa manca di lui adesso?
Francesco è meno espansivo di Marco, ma è sempre presente. Lo conosco da ragazzino, mi ha sempre impressionato che pur essendo Francesco Totti, cioè una divinità, nello spogliatoio si è sempre messo allo stesso livello degli altri. Ha una predisposizione che ha e che dà. Il suo calcio è fare cose che gli altri non si immaginano. Poi ci può stare che nei prossimi anni possa avere momenti in cui debba saltare partite, lui l’ha capito, i compagni anche prendendosi le loro responsabilità. E anche il club si è organizzato, basti pensare all’acquisto di Ljajic.

È tutto organizzato nella Roma di Garcia e di De Sanctis, eppure vi dicono fortunati.
La fortuna è quella che ti cerchi no? Allora sì siamo fortunati. Se un portiere sviene o ti danno tre rigori, in quel caso sì, è fortuna. A noi non è successo, quindi… Io non ho fatto 20 anni alla Juve, ma so cosa significa essere in testa e diventare antipatico, si crea il gufaggio, ma di che stiamo a parlare, se vuoi vincere devi essere più forte di queste cose.

I tifosi, quanto contano?
Tu hai fatto riferimento all’Open Day, prima di farlo con i compagni si discuteva sull’opportunità, ci chiedevamo. “La società ha fatto bene o no?”. Io pensavo di no, sentendo quello che si diceva. Poi ho fatto questo Open Day e anche quelli che si erano preoccupati, alla fine, si sono accorti che è stata la più grande manifestazione di affetto che potessero fare i tifosi dopo due anni di delusioni. Il tifoso della Roma è grande, rispettabile, magico, fantastico, e mettici tu gli aggettivi perché ci stanno… Il tifoso della Roma per me appena arrivato lo ha dimostrato già lì, nel momento più delicato. Non pensavo di parlare in quell’occasione, ma è successo, mi è venuto. Certo questa striscia non ce l’aspettavamo, ma che sputavamo sangue io lo sapevo. E questo ho detto. Quel giorno è stato importante.

Quale è stato il più importante?
Forse la prima a Livorno, forse il derby, ma Udine è stata strepitosa. Soffrivamo in 11 e poi in 10 abbiamo giocato meglio e vinto…

Questa Roma sembra dover soffrire, partire penalizzata, per volare, stravincere, sognare…
E’ nelle difficoltà che si trovano le motivazioni, ma questo è un discorso – come dire – molto italiano, e mi auguro che questo per noi non valga o non solo questo. Anche perché è difficile che riesci a vincere dopo aver toccato il fondo all’interno della stessa stagione.

I tifosi contano e conta essere tifosi del proprio lavoro. Chi è il giocatore più tifoso che hai conosciuto?
Pinzi stava in Nord il 26 maggio.

De Rossi?
Ovvio, ma io mi riferivo alla mia esperienza personale. La percezione di Daniele ce l’ho ora, in Nazionale non avevo modo di comprendere appieno quanto fosse romanista.

Il 26 maggio… Quel 26 te lo sei caricato sulle spalle?
Ci può stare, ma non ho pensato al 26 maggio quando ho scelto il numero, te l’ho detto. Però che simbolicamente l’ho caricato sulle spalle ci può stare. Non era il mio pensiero, ma scrivi così perché è giusto.

Alleggeriamo il carico: il film della tua vita?
Le ali della libertà. Si tratta sempre di Super Fly…

L’attore.
Edward Norton.

I libri?
Leggo poco.

La canzone.
L’emozione non ha voce.

Senza voce, cosa hai da dire ai tifosi, cosa vuoi dire ai tifosi della Roma?
Chiedo di stare vicini alla squadra. Se hanno dimostrato quel giorno di essere così vicini, così intelligenti, così grandi… Io un po’ ero arrivato prevenuto, con i racconti dei compagni che avevano sentito i malumori della piazza, ma lì sono rimasto sorpreso. E’ stato bello ricredersi, è stato bello. Ora nessuno ha più paura.

Sai che la Roma per molte persone significa tanto, può rendere migliore una vita difficile o più semplicemente più bella la vita.
Lo so. Vivere nel privilegio ti può portare lontano dalla realtà. Ma non è vero che i giocatori sono superficiali. Anzi, si rendono conto e capiscono che non ha senso tutto il benessere che abbiamo. Io sono assolutamente consapevole che significa la Roma per molte persone. Vengo da una città dove la squadra era un elemento di riscatto e di rivalsa. Napoli è perennemente in crisi di identità, in crisi sociale. Roma non si distacca molto dal punto di vista del rapporto squadra-tifosi. C’è amore. Però per un giocatore sentire questo, sentirsi responsabilizzato oltremodo può essere un limite. Non per me. Se in una rosa di 25 giocatori ne hai una decina che sentono e sanno sopportare questo hai un gruppo eccezionale, ma non puoi caricare tutti così, soprattutto i più giovani. Io però ci credo a queste cose.

Alle lacrime di Balzaretti?
Sì.

Vi siete commossi anche voi?
Sì. Come fai a non commuoverti. Ti immagini un disegno che magari non è divino, ma che rappresenta la voglia di riscatto. Dopo le critiche, il palo, la disperazione, il gol… le lacrime di Federico… E queste cose ti aiutano.

Hai idea di cosa significa la Roma?
Anche questo.

17 - Novembre 7,  2013 - Zero Alibi

La “magica” Roma nel caos

Tonino Cagnucci, tifoso doc e giornalista: “Si è rotto l’idillio iniziale tra società e tifosi. Ma si può rimediare

Roma, Roma, Roma, core dé stà città…”. E’ l’inno più bello del calcio italiano, il più invidiato, quello che nemmeno i tifosi delle altre squadre riescono a fischiare quando, a pochi istanti dall’inizio della partita, parte il disco che azzittisce l’Olimpico.

Adesso, però, l’autore minaccia di volerlo ritirare. Antonello Venditti ce l’ha a morte con la dirigenza giallorossa. “Questa non è più la mia Roma” ha tuonato qualche giorno fa. In giro non l’hanno presa bene e stanotte qualcuno gli ha fatto ritrovare sotto casa uno striscione eloquente: “Venditti verme”.

Anche sui forum in rete e sui social network si è scatenata la protesta: “L’inno è di chi lo canta, non di chi lo ha scritto”.

D’accordo, ma Antonello Venditti ha davvero così torto?

Dalle parti di Trigoria le acque sono agitate ormai da molti mesi: prima l’esonero di Zeman, poi le continue polemiche su Daniele De Rossi (deve andarsene? deve restare?) e sugli acquisiti sbagliati, la finale di Coppa Italia persa contro la Lazio, l’esclusione dall’Europa, la crisi di risultati, un piazzamento in classifica a dir poco deludente, l’incognita Garcia e quella sul mercato estivo per finire con l’ipotesi di abbonamenti a prezzi esorbitanti quando la squadra si trasferirà nel nuovo stadio di Tor di Valle progettato come un grande hotel di lusso con palchetti riservati, mini-suite dotate di ogni comfort dal frigobar e tv allo schermo piatto. Ovviamente destinate ai più privilegiati.

Insomma, ragioni di malumore tra i tifosi ce ne sono quante si vogliono e se c’è chi protesta seduto al tavolino di un bar o sfogandosi su qualche radio privata, qualcun altro pensa a riprendersi l’inno. Punendo, forse, più i tifosi, che la società stessa.

“Ha ragione chi dice che un inno non è di chi lo scrive ma di chi lo ha fatto suo. Detto ciò è innegabile che un malcontento c’è ed è anche molto percepibile”.

Soffre Tonino Cagnucci, soffre come stanno soffrendo, ormai da molti mesi, tutti i veri innamorati della Roma. Caporedattore de “Il Romanista” il quotidiano di riferimento giallorosso, quello “dei tifosi più tifosi del mondo”, autore di due libri dedicati a Totti e De Rossi (“Francesco. Totti dai politici al cuore” e “Daniele De Rossi. Il mare di Roma”), si sforza di trovare le parole giuste, in equilibrio tra cuore e cervello.

Per carità, si può criticare tutto – prova a spiegare Tonino – ma io, intanto, distinguerei tra chi critica per amore e chi critica strumentalmente. Questa società ha speso tanto, chi dice il contrario dice una bugia; questa societa’ si e’ trovata il Sistema Calcio Italia contro; questa societa’ ha sbagliato anche e soprattutto per inesperienza e cose buone le ha fatte eccome, ma adesso e’ dura per un tifoso della Roma”.

La goccia che ha fatto traboccare il vaso?

Sicuramente il cambio del logo deciso senza consultare i tifosi a cinque giorni dal derby di Coppa Italia. Io fui tra quelli che salutarono con favore l’arrivo della nuova proprietà. Apprezzai in particolare la nuova apertura verso il mondo giallorosso, la battaglia contro la tessera del tifoso, l’apertura del campo intitolato ad Agostino Di Bartolomei, la riscoperta delle radici e così via. La delusione per cui è grande perché si è rotta proprio questa linea diretta con i tifosi e si è rotta in maniera inopinata. La questione del logo non per niente secondaria e peserà non poco.

Anche sul piano dei risultati, questa stagione ha lasciato molto più che un semplice amaro in bocca…

Certo, anche perché è culminata con una sconfitta, quella in finale di Coppa Italia con la Lazio, assolutamente inaccettabile per qualunque tifoso della Roma.

Ma gli americani questo l’hanno capito oppure non se ne sono nemmeno resi conto?

Probabilmente no. Dopo una sconfitta del genere una qualche invenzione la devi tirare fuori, un segnale forte lo devi dare. Non dico di comprare subito un campione, che sarebbe stata la strada più facile e anche più auspicabile, ma nemmeno lasciare i tifosi praticamente abbandonati a se stessi ormai da un mese e mezzo.

In compenso è stato chiesto loro di rinnovare l’abbonamento ancora prima che fosse giocata quella partita. Molti non hanno gradito…

Immagino, ma su questo non sono d’accordo. Da tifoso vero ho sempre rinnovato la tessera a prescindere dai risultati della squadra e lo farei anche se la Roma giocasse in serie C. Anche quando sono diventato giornalista accreditato allo stadio, per due anni ho continuato ad abbonarmi in Curva Sud, pur non andandoci mai, perché se non lo avessi fatto mi sarei sentito nudo. Pertanto trovo più grave aver lasciato in vendita sul sito la sciarpa ufficiale della Roma “Io c’ero” anche dopo la finale persa.

La vogliamo definire “una disattenzione”?

Esattamente. Questa società si sta rivelando debole dove inizialmente sembrava essere più forte, ossia sul fronte della comunicazione, del marketing, della cura del dettaglio, tutte cose che sembrano non contare e invece, magari, ti servono a fare una grande squadra.

A proposito di comunicazione, a te è arrivato il questionario della società sul nuovo stadio di Tor di Valle?

A me ancora no, ad altri amici e colleghi sì. Non mi pare, però, che la tempistica sia quella giusta.

E che si parli di far pagare la Curva Sud 500 euro per poi piazzare i “tifosi privilegiati” in mini-suite di lusso ti sembra giusto?

Assolutamente no. Faccio fatica anche a trovare un aggettivo per definire un’idea del genere. Lo stadio deve rimanere un’arena e non trasformarsi in altro. Più il calcio viene snaturato, anche in questi modi, e più appeal perde. Lo stadio ha una sua specificità che non deve essere stravolta.

Parliamo di Daniele De Rossi. Su “Il Romanista” hai contestato un articolo di Panorama.it in cui si indicavano i cinque motivi per cui dovrebbe andare via.

Su De Rossi non ammetto discussioni. Per me lui è una bandiera della Roma e le bandiere non si vendono mai e vanno, anzi, tutelate. Purtroppo quando Daniele dice di essere stato calunniato dice la verità. Ma a farlo non sono i tifosi veri, quelli che vengono allo stadio, che vanno in curva e che non lo hanno mai fischiato, ma quelli del chiacchiericcio, quelli a cui piace contestare e lanciare calunnie nell’etere non solo contro De Rossi – che soprattutto come uomo e come padre non lo merita assolutamente – ma anche contro la società.

Quali mosse dovrebbe fare subito la proprietà per riconquistare la simpatia, la fiducia, l’appoggio dei tifosi?

Innanzitutto aprire un tavolo di confronto con i tifosi sullo stemma che per loro è sacro; poi riconfermare De Rossi in maniera inequivocabile; rinnovare il contratto a Totti; prendere un nuovo portiere e fare qualche altro acquisto di peso. Dopodiché vincere subito la Coppa Italia il prossimo anno per lavare l’onta. Esattamente come accadde all’epoca dello scudetto vinto la stagione dopo quello della Lazio.

© Claudia Daconto & Panorama

Quando Mazzarri al Romanista parlava di Falcao

Walter Mazzarri e la Roma è una non storia iniziata prima di quel pomeriggio di quattro anni fa quando in un hotel di via Veneto il tecnico aspettava l’esito della trattativa fra la società giallorossa e Ranieri. Andò bene la trattativa, andò male per lui. Ma fu ancora quattro anni prima che per la prima volta Mazzarri Walter da San Vincenzo sognò la Roma. All’epoca si trattava veramente di chiudere gli occhi e sognare perché faceva parte di una rosa di candidati di cui era l’ultimo petalo. Però c’era. In quei giorni a Villa Pacelli si fece il suo nome. Il Romanista lo andò a intervistare con Andrea Di Caro, all’epoca Caporedattore di questo quotidiano. Era il 26 marzo 2005, il giorno prima Franco Baldini s’era dimesso, la Roma doveva essere rifondata, si parlava di Bruno Conti al settore giovanile, insomma storia di quasi tutti gli anni. Al Romanista Mazzarri parlò della Roma e di Roma. Di Falcao e dell’amatriciana. È curioso e anche un po’ interessante rileggerselo. Perché ci sono cose che non cambiano. E altre che ritornano.

Walter Mazzarri, chi è Walter Mazzarri?
Uno che al lavoro dedica quasi tutta la sua giornata: il pallone è la mia vita, sono un pignolo, un meticoloso. Nella mia professione sono un perfezionista e interpreto il ruolo di allenatore a 360°: dagli aspetti tecnico-tattici alla gestione dell’ambiente intorno alla squadra, dai rapporti con la tifoseria a quello con i giocatori con cui mi piace parlare per conoscerli a fondo. Se conosci i tuoi giocatori sei in grado di gestirli, consigliarli, farli rendere al meglio.

Ha un allenatore di riferimento?
Non ho idoli, studio e apprezzo tanti tecnici, ma nella mia vita ho sempre fatto tutto da solo, sono un testardo che va per la sua strada. Però ringrazio Ulivieri con cui ho cominciato: è stato determinante per farmi capire quando attaccare gli scarpini al chiodo e iniziare a pensare da allenatore. Mi ha aiutato per cambiare la mentalità da un ruolo all’altro insegnandomi i primi segreti del mestiere. Ma io ho la mia identità, i miei concetti calcistici, la mia creatività.

Ha cominciato col 3-4-3, poi ha intrapreso la strada di un 3-5-2 un po’ difensivo…
Non bisogna farsi ingannare dai numeri. Permettimi di fare il presuntuoso: io i moduli li conosco tutti, ma non ne ho sposato nessuno in maniera ottusa. Il modulo va adattato ai giocatori che hai, alle squadre che alleni. Anzi, quando ci si riesce, si dovrebbe sceglierlo di partita in partita e anche cambiarlo all’interno di una stessa partita. Saper variare in corsa, sapersi adattare, non è sintomo di mancanza di coerenza, ma un pregio. E poi più del modulo, conta la mentalità, la coesione del gruppo, l’unità di intenti, la concentrazione con cui si affrontano le partite, per sviluppare il proprio gioco e cercare di vincere.

La famosa mentalità vincente…
Lasciamelo dire: la mentalità vincente non ce l’ha solo chi vince gli scudetti, ce l’hanno anche altri, ma io sono un realista, se alleno la Reggina con certi giocatori devo fare un certo tipo di gioco per ottenere certi obiettivi. Se alleno la Juve il discorsO cambia. Se ho un attacco esplosivo posso anche rinunciare un po’ alla fase difensiva, se ho qualche difficoltà in avanti devo almeno sapermi coprire per non prendere gol. Se affronto una pari grado me la gioco a viso aperto, se affronto gli attaccanti della Roma cerco di non dargli troppo spazio. Bisogna essere elastici.

Mi racconta la sua teoria del “vantaggio dell’idea”?
Quando i miei giocatori ricevono la palla, in qualunque settore del terreno si trovino, devono avere almeno cinque soluzioni diverse. Il segreto è la rapidità di esecuzione delle varianti: è, appunto, il vantaggio dell’idea.

Si sente già pronto per un grande club?
Sì. Nella mia carriera mi sono sempre andato a cercare piazze difficili, passionali. Livorno, Reggio Calabria sono ambienti caldi, mi esalta sentire la pressione addoso. Il calcio è adrenalina, non mi piacciono le amichevoli…

Cosa cambierebbe dell’attuale sistema calcio?
Mi piacerebbe ci fosse più equità nella gestione del calcio e più onestà in chi lo commenta. Lo so che il calcio è sempre più business ma vorrei che non si dimenticasse che nasce come uno sport in cui tutti hanno il diritto di partire alla pari, poi il più bravo vince e giù il cappello. Ma spesso la realtà è diversa. Vorrei che gli errori si evidenziassero sempre invece, quando ci sono di mezzo i grandi club, si tende a coprire. Non mi piace l’omertà e la poca trasparenza… Sarebbe bello vedere una squadra piccola che, meritandolo, arriva in alto: invece anche se parti bene alla fine ti ritrovi sempre nelle posizioni previste dal tuo… target.

Eppure dicono «alla fine dell’anno favori e sfavori si compensano…».

La conosco la frase… “e i valori reali vengono fuori”. A me questa teoria non mi ha mai convinto del tutto: spesso sembra che ci siano destini segnati per tante circostanze e non solo per i valori espressi.

Dopo Juventus-Reggina non le ha mandate a dire…
Non voglio parlare di malafede, ma al di là degli errori dell’arbitro che ci possono stare, io credo che i media abbiano il compito di evidenziarli con onestà. La sudditanza è figlia di tante madri, una è mediatica: se un errore contro la Reggina destasse lo stesso clamore di un errore contro la Juve, forse qualcuno starebbe più attento… Invece se si sbaglia contro una grande se ne parla un mese, se si sbaglia contro una piccola non se ne parla proprio.

Parliamo di doping?
Rientra nei concetti che sto esprimendo. Vorrei un calcio pulito con regole certe e rispettate da tutti. Doping… solo il termine mi dà fastidio. Odio tutto ciò che è artefatto. Migliorare le prestazioni degli atleti usando sostanze dannose alla salute, non rientra nei miei parametri.

Un pregio e un difetto di Mazzarri.
Il calcio assorbe la mia vita: è il pregio di Mazzarri allenatore e il difetto di Mazzarri marito.

Prova di… romanità. Che numero di maglia indossava Falcao?
Facile, la 5. Ho avuto la fortuna di giocare contro i grandi campioni di quegli anni, non ero bravo come loro purtroppo…

Mi dica piatto tipico romano…
I bucatini all’amatriciana. Alla Borghesiana, quando venivamo in ritiro con Ulivieri, c’era un cuoco che li faceva da Dio, ce ne mangiavamo fiamminghe intere e alla fine ci scappava pure la scarpetta…

Quanti scudetti ha vinto la Roma?
Dunque … io sono nato nel ’61, dai miei tempi due… prima… credo uno… in tutto… 3?

Lei è nato a San Vincenzo provincia di Livorno, una città come Roma la esalta o la spaventa?
Non voglio sembrare ruffiano, ma se mi chiedi se mi piace Roma che vuoi che ti dica? E’ un museo a cielo aperto, è bellissima. Mi piace lo spirito dei romani, la loro schiettezza che non è tanto dissimile da quella dei toscani… Per la vita che faccio io poi metropoli o provincia cambia poco: casa, campo, stadio… Ti racconto un episodio: un giocatore appena arrivato, mi fa: “Mister, a Reggio non c’è niente…”. Perché – gli ho risposto – se fossi a Milano che faresti? Sei un professionista, un ristorante e un cinema li trovi anche qui. Altro non ti serve se giochi a pallone.

Lotta greco-romana

Lotta greco-romana. Vasilis Torosidis dopo il gol a Bergamo è diventato un concentrato di storia, tra Pantheon e Partenone e tra palco (il gol, la copertina) e realtà (la sua sostanza) “Toro” (“Toro – Toro” senza essere granata pure se c’entra anche la battaglia di Maratona) Toro-Torosidis è il profilo (greco no?) guerriero di questa Roma che scalpita sotto la Curva Sud prima di arare il campo, che lotta e vince insieme a noi nel gelo della val Brembana o di dove sta Bergamo e sotto la luce più bella del mondo che ha solo Roma a prima sera. Vasilis Torosidis, l’ultimo acquisto che in Grecia era stato preso a pallate di neve in una partita a Larissa (finita in rissa) e che con una pallonata di testa sotto la neve ha dato longevità alla rinascita della Roma contro la Juve. L’ha già fatta crescere. Col Genoa s’è rivisto un cross – anzi due – da destra fatto bene che era dai tempi di Cafu che non si vedeva, poi ha finito a sinistra lui che è «terzino destro» ma che gioca ovunque (in nazionale anche a centrocampo). Vasilis Torosidis, la sua faccia e le sue parole non sono una promessa ma una garanzia: di lavoro, di serietà, di corsa. Lotta greco-romana. Da lì a qui, un passaggio storico. In un momento storico particolare. «Per me sì. C’è molto poco da dire su Roma: è bella. E su come ci sto: bene. Aggiungere altro è inutile. Questo trasferimento per me ha significato tanto».

Arrivi dalla Grecia, terra dilaniata dalla crisi.

Io appartengo a una categoria protetta, chiamiamola così, una categoria privilegiata che è quella dei calciatori. Io non l’ho accusata così come la sta vivendo la gran parte delle persone. La crisi non è stata quella del ceto medio, ma la crisi è seria.

In concreto, l’hai vista? Che significa che c’è la crisi in Grecia?

Che non è più solo un problema di stipendi bassi o di pensioni che non arrivano, è un problema di sopravvivenza. C’è gente che ha fame. La situazione negli ultimi anni è andata peggiorando.

Anche l’Italia è in crisi.

Ma rispetto alla Grecia non è paragonabile. Poi, te l’ho detto, io come calciatore sono un privilegiato. Anche nell’essere arrivato qui a Roma. E come calciatore.

Come calcio, sei arrivato in una Roma in crisi, il tempo di una partita e un pezzo e il cambio di allenatore: hai pensato di aver sbagliato posto?

No, per niente. Mai. Perché? Ho pensato che è normale, che è calcio, che tante volte mi è capitato. Sono cose che nel nostro campo professionale succedono, non mi sono trovato in difficoltà né mi sono sentito spaesato. Può partire un compagno, può cambiare un allenatore, l’importante è che siamo cambiati noi rispetto alla difficoltà che avevamo.

Zeman, per quel poco che l’hai conosciuto?

Un allenatore che privilegiava il lavoro tattico e chiedeva di essere aggressivi in campo.

Umanamente?

Calmo.

Andreazzoli?

Ha cambiato l’aspetto tattico ma giochiamo sempre all’attacco. Mi trovo molto bene con lui, sotto tutti gli aspetti.

Ti ha detto cose particolari?

No.

Il tuo allenatore più importante in carriera?

Valverde, che ho avuto con me nell’ultimo periodo all’Olympiacos. È speciale perché è completo, ha un – come dire – un quadro su tutto: i giocatori, il pallone, la tattica. È squisito umanamente e ha fatto scoprire al calcio greco tattiche che non conosceva.

Se parliamo di allenatori e di Grecia, c’è un obbligo e un nome un cognome: Otto Rehhagel.

Vale quello che dico per Roma. Poco. Ha fatto la storia del nostro calcio e a me ha dato fiducia nel ricambio generazionale fra quella Grecia storica e campione e quella successiva. Questa cosa mi fa fiero. Non posso dire con le parole di più di quello che ha fatto.

Dov’eri quando la Grecia diventava campione d’Europa nel 2004?

Ricordo tutto. Ero a casa mia, a Xanthi, dove sono nato, con gli amici più stretti. C’era un clima fantastico.

Che ha significato e che significa quella vittoria?

In Grecia dopo il 25 marzo e il 28 ottobre, che sono le nostre feste nazionali, c’è il 4 luglio.

Qualcosa di simile?

No, però per me è stato fantastico quando ho segnato contro la Nigeria nel 2010 il gol della nostra prima vittoria ai Mondiali.

Com’è vista la Roma in Grecia? Com’è considerata?

Una grandissima squadra. Ma non è solo così in Grecia, la Roma è una grande squadra nel mondo.

La Lazio?

Che domande fai? Coma faccio a rispondere? La Roma in Grecia ha una storia e una tradizione anche recente. Giocatori come Totti, Batistuta, Aldair, Montella sono famosissimi…

Giocatori come Totti… A parte Totti qual è il giocatore più forte col quale hai giocato?

Rivaldo. Il più grande calciatore che abbia avuto il campionato greco.

Il tuo idolo da ragazzino?

Non sono stato un ragazzino con gli idoli. Nessuno. Non ero uno che s’innamorava dei giocatori, io ho sempre guardato a tutto per imparare.

Un modello?

Nemmeno. Ho preso spunti da tutti.

Il più forte giocatore della storia greca?

Si chiama Chatzipanagis, giocava con l’Iraklis, ha sempre voluto restare lì. Nessuno con il suo talento.

Che cos’è il derby Olympiacos-Panathinaikos?

Prima di giocare Roma-Lazio dico che è il derby. È tutto. È la partita. È la partita del sentimento. C’è un clima infuocato.

Ci sono differenze sociali o politiche fra le due squadre?

No, la differenza è di titoli, la rivalità è tutta calcistica con l’Olympiacos che ha vinto sempre di più. Anche la mia tradizione nei derby è positiva. Ho anche segnato.

Quello di Roma come te lo aspetti?

Così, anzi forse più infuocato perché ho saputo che qui in Italia nel derby ci sono entrambe le tifoserie, da noi l’ingresso è vietato agli ospiti per sicurezza. I nostri popoli sono simili, vedo tante cose comuni fra greci e italiani e in particolare con i romani. La Curva Sud per esempio..

Il riscaldamento là sotto…

Importante. I tifosi della Roma hanno il calore, l’amore di quelli greci.

Sai che i tifosi della Roma sono gemellati con quelli del Panathinaikos?

Sì. Capita.

I laziali si vantano di avere i colori della Grecia?

I colori non è che siano sinonimo di riconoscenza e di validità, i colori in questo senso sono indifferenti.

Lo sai che hanno addirittura un’aquila che si chiama Olympia? Lo trovi blasfemo?

Ride e non risponde.

Quant’è importante la gente, il tifo per un calciatore? Quanto è importante?

È almeno il 70-80% della “cosa”. La psicologia, la testa, il cuore sono praticamente tutto per un calciatore. Te lo ripeto, ho sentito il calore che sentivo dalla mia curva.

Ti ha detto qualcosa di particolare Sabatini quanto ti ha acquistato?

Sì: “Qui ti devi sentire come a casa tua perché è casa tu”. E mi ci sento.

Qual è il tuo obiettivo?

Diventare titolare fisso, guadagnarmi il posto, sudarmelo, dare tutto per la Roma, arrivare il più in alto possibile. Questa è la mia ambizione, e quello che voglio fare.

Hai legato con qualcuno in particolare?

Con tutti, ovviamente con Tachtsidis di più per la questione della lingua.

Che t’ha detto lui di Roma?

Che c’è pressione, ma che è una grande squadra, che è grande.

Com’è la Roma squadra vista da dentro?

Un gruppo unito. Una rosa all’altezza per lottare per grandi traguardi. In allenamento scherzo con tutti, il senso di questa squadra è essere uniti.

Il gol di Bergamo: qual è stato il primo pensiero?

Interviene Tachtsidis che sta leggendo un giornale vicino a lui e fa: «A me!»

Sì, lo dedico a Taxi! Ride Il primo pensiero è stata la vittoria.

La prima telefonata ricevuta dopo il gol?

Dalla mia famiglia. Sono sposato e ho una figlia che sono con me. Poi il “nucleo” è largo, ho tre fratelli.

Verranno a Roma anche loro?

Uno arriverà per Roma-Parma.

Quanto ha significato la tua famiglia nella professione di calciatore?

Ovviamente tanto, ma non ho iniziato a giocare a calcio perché mio padre mi accompagnava o cose così. Ho iniziato a 7-8 anni andando con degli amici a iscrivermi al club dello Xanthi, a una specie di scuola affialiata allo Xanthi.

Il tuo obiettivo è giocare, quello vostro? Quello della Roma? Tutti parlano del terzo posto…

L’obiettivo è quello perché se non lottiamo per un posto Champions non saremnmo all’altezza della Roma. I numeri ci sono, i giocatori pure, la voglia anche.

C’è una squadra in particolare su cui fare una corsa?

Sì, il Milan.

Lo sai che c’è una finale di Coppa Italia molto importante da giocare?

Per fare quella finale bisogna prima arrivarci.

Se dovessi scegliere, meglio arrivare terzi o vincere la coppa contro la Lazio?

Tutte e due. Ma se devo scegliere scelgo la Coppa perché è un trofeo.

Contro la Lazio hai esordito in Champions, magari è un segnale?

Magari…

C’è qualcosa che vuoi dire ai tifosi della Roma?

Di essere come sono.

Quel è stata la partita più bella che hai fatto?

Contro l’Aris in una finale di Coppa finita 4- 4 e vinta ai rigori.

Magari è un bel segnale.

Magari…

Quale bel segnale invece il calcio potrebbe dare al paese, alla tua Grecia?

Non bisogna essere populisti, il calcio non può aiutare la gente se non come sfogo, come passione, come spettacolo. Ecco, se lo Stato migliora la cose può migliorare il calcio anche in questo senso e offrire qualcosa di più. Ma non può fare miracoli.

Qualcosa di più per finire: nel Partenone greco Totti che divinità è?

Ride Beh con Totti siamo al cristianesimo… Totti non è una divinità greca, ma un dio romano.

Ma senti, quell’aquila che si chiama Olympia…

Ride Ognuno dà ai suoi animali i nomi che vuole…

Che poi si potrebbe tradurre in tanti modi…

Intervista a Castan «Con Zeman si vince»

«Castan come Piqué gioca una finale di un trofeo prestigioso, ma il brasiliano non lo definite un campione, mentre lo spagnolo è un top player. Perché?». Bella la domanda retorica di Walter Sabatini quest’estate. Più bella la risposta che dà Leandro Castan alla fine dell’intervista: una risata. Con quella li seppellirà (Piqué e la definizione di top player) Leandro Castan, faccia da Jim Carrey che se lo lasci ti cancella, quella finale – di Coppa Libertadores – l’ha pure vinta, vincendo la cosa più grande di una squadra comunque gigante in Brasile come il Corinthians. Il Timao. San Paolo. Roba da filosofi.

Leandro Castan filosofo non lo è, pure a sentirlo parlare sembra quello che è in campo: quadrato e felice, con gli occhi vivi, i colori mori, ma con un peso specifico, con un non so che di maturo e sicuro che dà tranquillità. Difensore centrale lui, suo padre e suo fratello. Amen. Leandro Castan è – finora – per rendimento e nel rapporto qualità-prezzo, il miglior acquisto di Walter Sabatini da Marsciano, ma di più, con quella felicità che ha chi sta per diventare un’altra volta papà, è un giocatore di calcio che ha molte certezze. Alcune le dice, altre le lascia capire. Ma sono certe quelle certezze. Qualcuna potrebbe sembrare spudorata se uno non vedesse la tranquillità con la quale la racconta. L’intervista è una specie di passeggiata, a Trigoria, verso il posto più bello del mondo. Roma.

Tre mesi di qua, tre mesi di questa città: la cosa più bella?

Tutto. Roma è tutta bella, ma una cosa mi ha impressionato: è il Colosseo. Poi la cucina. Si mangia bene come a San Paolo, per me è importante.

Quello che ti piace di meno?

Il traffico, anche se meno rispetto a San Paolo. Ma è comunque troppo.

Il calcio. La Roma.

Il massimo. La mia scelta importante.

Cominciamo dal principio: Zdenek Zeman.

Un grande allenatore, che fa il suo calcio speciale. È un tecnico che sta facendo un grande lavoro con tanti giocatori nuovi, che sta cercando di trasmetterci le sue idee.

È vero che è più difficile giocare con Zeman per un difensore?

Beh, è evidente che il mister vuole attaccare sempre, la linea di difesa deve restare sempre alta. Penso che stiamo cominciando a comprendere cosa vuole. È chiaro che all’inizio ci sono state delle difficoltà.

Qualcosa non era stato capito?

Ma è normale. Col Corinthians giocavo coi quattro dietro schiacciati e poi via in contropiede. Qui giochiamo sulla linea di centrocampo. Però a me piace, il difensore partecipa di più al gioco. Penso che possa essere anche divertente per me, tanti duelli uno contro uno.

Si è infortunato Balzaretti: puoi giocare a sinistra?

Non è la mia posizione, ma io sono giocatore di gruppo, io gioco dove dice Zeman.

Con la Seleçao hai giocato lì, però?

È stata una partita, è stato per necessità. Una gara va bene, poi se è l’esordio col Brasile (sorride). Però io sono difensore centrale.

È diverso giocare con Burdisso o Marcos come compagno di reparto?

La differenza è la lingua, Nicolas è argentino, con Marcos poi abbiamo giocato insieme già nel Corinthians. Ma sono due giocatori di qualità, e poi Burdisso è un esempio.

Di cosa?

Di professionalità.

Burdisso è un leader anche se non gioca?

Sì. Burdisso va ascoltato già per la sua esperienza, ed è bello vederlo dare dei consigli a Marquinhos.

Al Corinthians c’era anche Dodò: come sta?

Glielo chiedo sempre io, ogni giorno che ci vediamo. Faccio tanto il tifo per lui. Quando si è infortunato è venuto a fare la fisioterapia al Corinthians, ho visto tutto il suo cammino, il suo calvario, ho visto il suo ginocchio gonfio, e adesso non vedo l’ora che ritorni: non credo che ci sia qualcuno che più di lui meriti di rientrare a giocare dopo tutto quello che ha passato.

Ma com’è Dodò?

È forte. E’ un giocatore di grande qualità. Al Corinthians aveva un certo Roberto Carlos davanti, apposta è andato al Bahia e lì ha fatto grandissime cose. Una grande stagione che io spero e credo possa ripetere alla Roma.

Castan, Marcos, Dodò, che significa essere “corinthiani”?

Ti dico: nella mia carriera c’è stato un prima e un dopo il Corinthians, devo tutto al Timao. Alla fine anche il fatto di stare qui.

Cos’è la democrazia corinthiana?

È storia, è qualcosa che “marca” il club, è stato un esempio unico di qualcosa di grande, di nuovo e vincente, qualcosa che ha fatto la storia così come noi l’abbiamo fatta vincendo la prima Coppa Libertadores della società. Anche questo unisce il mio Corinthians a quello che vinse autogestendosi, senza allenatore, senza capi.

Il filosofo di quella democrazia fu Socrates, da poco non c’è più, un pensiero.

A Socrates col Corinthians abbiamo dedicato tutto. È stato troppo importante… Eravamo in ritiro quando è morto, ci stavamo preparando per l’ultima partita del campionato contro il Palmeiras. Ci siamo svegliati la domenica mattina con la notizia della sua morte, abbiamo giocato una partita speciale: è stata quella che ci ha fatto laureare campioni del Brasile. È stato per lui.

Cosa ti ha detto Sabatini per convincerti a venire alla Roma?

È bastata una telefonata, nel senso che il primo contatto è stato telefonico, poi ha incontrato mio padre che è venuto a Roma per conoscere il club e ha avuto immediatamente una grande impressione. Walter ha insistito molto, mi ha dimostrato un vero interesse. Calcola che non è stata una trattativa facile, il Corinthians non voleva liberarmi.

Ma cosa ti ha raccontato Sabatini?

La storia della Roma, d’altronde la Roma in Brasile è una squadra molto conosciuta, popolare. Mi ha parlato di questa storia e dellapossibilità di crescerci dentro.

La storia della Roma: tu hai il cinque di Paulo Roberto Falcao.

Un onore. L’ho conosciuto di persona la domenica della partita contro l’Atalanta. Quel giorno ho conosciuto anche Aldair, quando l’ho visto mi sono innervosito, intimidito. Aldair e Falcao sono due icone della Roma e del Brasile. È un onore, un grande onore per me.

Il tuo modello in campo?

Juan. Ho sempre avuto lui come riferimento, guardavo e imparavo da lui. Il suo modo di giocare è carico di cose da dover osservare. Ripeto, ho imparato tantissimo solo guardandolo.

L’attaccante più forte che hai incontrato?

In Italia finora dico Cassano, è molto intelligente in campo. In Brasile Damiao e Neymar.

Neymar a che livello lo collochi nel mondo?

Prima ci sono Messi e Cristiano Ronaldo, lui sta un po’ sotto.

Pelè o Maradona?

Pelè (ride).

La tua partita più bella?

Quella che devo ancora giocare. Sono molto critico con me stesso.

Sei molto critico: perché la Roma inizia male le partite?

È difficile dirlo, non lo so. Ne dobbiamo parlare bene tra di noi.

De Rossi e Osvaldo si allenano bene?

Benissimo. Sono due grandi giocatori che fanno gruppo, che fanno spogliatoio, che sono ben voluti nel gruppo. Purtroppo quando i risultati sono così e così escono le polemiche.

Ma il gruppo della Roma è unito? La Roma segue Zdenek Zeman o non ci crede?

Sì, assolutamente. Il gruppo della Roma è fechado (letterale, ndr), chiuso, blindato. I giocatori della Roma credono all’allenatore della Roma ed è importante visto come giochiamo, altrimenti sarebbe dura. È lui il boss. È lui che comanda.

Qual è l’obiettivo di questa Roma?

Vincere. Una squadra come la Roma quando partecipa a una competizione lo fa per vincere, non per altro. Evidentemente siamo consapevoli che la Juve in questo momento ha dei punti più di noi, che siamo ancora un po’ lontani, ma noi dobbiamo lottare per avvicinarli il più possibile. L’obiettivo è non smettere mai di salire. La Roma ogni partita che gioca deve giocarla per vincere, di conseguenza – se ci riusciamo – lottiamo automaticamente per il titolo.

Mettiamola così: chi vince lo scudetto?

Diciamo così: la Juventus è favorita. Lasciamole il ruolo di favorita e noi dietro a inseguire…

Che cosa insegue Castan?

La fede.

Sei un Atleta di Cristo. Che significa? Perché?

Mi viene da bambino, mi viene dall’educazione, da mio padre, da mia madre. Ogni cosa che faccio nel mio lavoro, così come nella vita privata, io sento Dio, sento che mi aiuta. Che c’è. In qualsiasi esperienza della mia vita.

Che esperienza è stata in Svezia all’Helsingborg, a poco più di 20 anni?

L’anno che sono passato professionista con l’Atletico Mineiro è stato l’anno in cui mi scadeva il contratto e mi è arrivata questa proposta dall’Europa. Il mio agente di allora mi aveva detto che poteva essere un trampolino per me, in realtà quando sono arrivato lì in Svezia ho trovato una situazione molto diversa da quella che mi avevano descritto, prendevo anche la metà dello stipendio pattuito. Ho avuto una serie di problemi e sono tornato presto in Brasile. Meglio così…

Meglio aver fatto il calciatore: cosa avresti fatto altrimenti?

Il calciatore. Ho sempre giocato a pallone, da quando avevo 5 anni. Mio padre era un giocatore di calcio, io sono un giocatore di calcio. Mio fratello Luciano gioca a calcio. E tutti sono difensori.

E’ forte Luciano?

Ha 21 anni, ne sto parlando con Sabatini (ride).

Al termine della carriera che cosa immagini di fare?

Sempre qualcosa legato al calcio. Non riesco a immaginarmi lontano dal pallone. Sicuramente vorrei dedicare i miei anni alla famiglia. Stare a casa. Leggere…

Il libro della vita?

La Bibbia.

In Brasile il calcio è sempre stato popolo e allegria, sai che cos’è la Tessera del Tifoso?

Cosa?.

Perfetto. L’ultima: sei più forte tu o Piqué?

(Ride) Piqué. Ha vinto molto, è un top player…