Archivi Blog

Il Tre Fontane: una fede mai persa

dl5anzvus4eloxixvdgp

Il Tre Fontane ha visto la Primavera di Agostino, la sua e quella di una squadra di ragazzini Campioni d’Italia non una ma due volte. A metà degli Anni 70 a vedere quella Primavera (intendetela in senso lato per favore) ci andavano anche diecimila persone.

Giocava la Roma dei ragazzini lì e ci si allenava la Roma dei grandi, la Roma Roma. Francesco Rocca era già l’uno e ancora l’altro quando si fece male: il Tre Fontane ha sentito il suo urlo di dolore mentre palleggiava con l’arbitro Lattanzi dopo aver fatto torello con Peccenini. Poco dopo Giorgio Rossi, incaricato da un dirigente, portò un prete a benedire il punto dove si era fatto male Kawasaki.

I sogni si rompono, le moto si parcheggiavano più in là. Sotto la Colombo. Dietro al muro dove Nils Liedholm diceva a Bruno Conti e a Paulo Roberto Falcao “palleggiate seicento volte col destro, seicento col sinistro”. Il totale era un paradosso.

f9hehwxam9a7az48tfhu

È al Tre Fontane che Liedholm snocciavala il rosario delle sue parabole pallonare, che si vantava di quella volta che aveva annullato Di Stefano e, ai giocatori che gli facevano notare “mister Di Stefano quella volta fece tre gol”, rispondeva: “Eh appunto, solo tre gol”. Il totale è chissà quante partite di allenamento, quante Primavere dal 1960 all’inizio degli anni 80.

Qualcosa si può datare. Sul verbale del comitato esecutivo della As Roma del 17 febbraio 1959 si legge che il giorno seguente il Coni avrebbe consegnato alla Roma il campo; da un altro verbale del 10 marzo 1959 si può dedurre che la prima partita giocata al Tre Fontane dovrebbe essere stata un Roma-Fiorentina del torneo De Martino (una specie di campionato riserve). Il 22 settembre di quell’anno si stabilì che ogni mercoledì per vedere la Roma si sarebbero pagate 200 lire. Perché la Roma la andavano a vedere tutti al Tre Fontane.

cflvgoe5pg7xap46vufa

Qualcosa si può datare, qualcos’altro non si può spiegare. Il Tre Fontane è stata una fede. Una celebrazione romanista prima di andare a vedere la Roma all’Olimpico, una specie di miracolo laico quando i tifosi recuperarono e riconsegnarono a Peirò l’automobile, un Bmw, che gli era stata rubata, proprio dopo un allenamento al Tre Fontante. C’è anche Peirò quando a inizio campionato 1967/68 la Roma va a sfidare a Milano la sua ex squadra, la Grande Inter. Qua c’è il Mago di Turi, Oronzo Pugliese, dall’altra c’è il Mago e basta Herrera e una partita che per la Roma ha un valore particolare e che sceglie di preparare in maniera speciale al Tre Fontane: organizza la rifinitura con la Stefer, qualcuno vorrebbe far disputare quell’amichevole a porte chiuse per escludere gli osservatori nerazzurri, ma il Club risponde con questa nota: “La Roma è dei tifosi”. Punto. Punto. E punto. Al campo si presentano 7.000 tifosi. A San Siro la Roma pareggia con la Grande Inter, Giuliano Taccola segna il suo primo gol in serie A.

La prima volta che ci ha giocato Francesco Totti non aveva nemmeno 10 anni, era il 9 febbraio 1986, con gli Esordienti della Smit Trastevere: 0-0 con Totti che sbaglia un rigore contro il Tre Fontane. Un 9 febbraio di un altro anno però (1997) per un torneo chiamato Città di Roma, Francesco segnerà i gol che impediranno lo scempio di vederlo partire, anche perché quando arrivò alla Roma, arrivò proprio lì: Stadio Tre Fontane. Fine agosto 1989, in automobile accompagnato dall’amichetto Daniele Arelli e da suo padre Pietro al volante. Era stato appena preso dalla Lodigiani. Francesco Totti ha passato il suo primo giorno da romanista al Tre Fontane.

E’ una fede antica. Quella di Giorgio Rossi che si divideva fra il suo fare tutto per la Roma e svolgere il suo lavoro al Sant’Eugenio: “Quando ci allenavamo al Tre Fontane avevo una stanza con un grande tavolo dove facevamo i massaggi. Prima di iniziare mi toglievo sempre la fede nuziale dal dito. Un brutto giorno alla fine del lavoro non la trovai più senza farmi una ragione di quello che era successo. Quando una decina d’anni dopo, nel 1979, ci spostammo a Trigoria trasportammo il grande tavolo che avevamo in dotazione al Tre Fontane nella nuova sala massaggi del Bernardini. Aprendo uno dei cassetti trovai un giornale del 1969. Nell’aprirlo sentii un rumore metallico, abbassai gli occhi e vidi il luccichio della mia fede nuziale…l’avevo ritrovata”.

Ecco che cos’è oggi il Tre Fontane: una fede mai persa.

Annunci

You were the greatest Ago

DI-BARTOLOMEI-MEMORIAL-11-

It feels almost wrong to write about Agostino Di Bartolomei today. It’s often easy to fall into the trap of rhetoric when commemorating a fallen hero, but there was no rhetoric about Agostino.

He was L’Uomo in Più [The Extra Man] for Paolo Sorrentino (the director who dedicated a film to him) and to all of us.

He was not a man of poses, but he will always be remembered for the way he stood over a free-kick, his face pulled into a half-sneer, his legs standing straight, ready to put every ounce of himself – much of which he kept well hidden – into the impending kick. He loved taking huge run-ups for his free-kicks.

They were Ago’s missiles. They were the outpouring of everything inside.

Ago left countless memories – some happy, some terribly sad. The vase of flowers he launched into the stands after Roma had won the Scudetto. The strange expression on his face when he lifted the Coppa Italia against Verona on 26 June 1984, knowing it would be his last act with his beloved Roma.

And then the morning of 30 May 1994, ten years to the day after Roma’s European Cup final loss to Liverpool – only this time, the tears were not borne of defeat but of grief.

To mark Ago’s last match for Roma, the Curva Sud unveiled a banner reading Arrivederci Campione – see you again, champ. But they never did.

It was followed by another banner: “They’ve taken Roma away from you, but not your Curva.” But they were wrong. No-one will ever be able to take Roma away from Di Bartolomei – though perhaps we only truly realised this after his took his own life.

So although it feels wrong to write about Ago today – on what would have been his birthday – the fact is that the real wrong was the indifference he was subjected to after he hung up his boots and after he was sent away from Roma to AC Milan. You can bet your bottom dollar that he’d never have left the Giallorossi had it been up to him – the ferocity with which he celebrated scoring against Roma the year after he left was simply a celebration against that indifference.

In a 1980 interview by Enzo Tortora for Intrepido magazine, Ago revealed he had two dreams: “The Scudetto, which will come sooner or later, and that people who live on the outskirts of town continue to support friendship and mutual support, pushing indifference to one side…”

What to say? Perhaps it makes it easier to understand how he felt when he found himself on the outskirts of interest and memory, powerless to ask for help or to sell himself out – he had spent his whole life helping others and had never once sold himself out.

That was our captain.

The captain.

While it was Dino Viola who taught us to be proud of Roma, Di Bartolomei ensured we would be thus forever more. While it was Dino Viola who said “Roma have been released from the prison of dreams after 41 years” in Genoa back on 8 May 1983, it was Di Bartolomei who demolished those prison walls.

And while it’s true that Roma was changed by one Paulo Roberto Falcao, it’s also true that Roma will always belong to Agostino Di Bartolomei and what he came to represent – loyalty, belonging, professionalism, dedication.

It was followed by another banner: “They’ve taken Roma away from you, but not your Curva.” But they were wrong. No-one will ever be able to take Roma away from Di Bartolomei – though perhaps we only truly realised this after his took his own life.

So although it feels wrong to write about Ago today – on what would have been his birthday – the fact is that the real wrong was the indifference he was subjected to after he hung up his boots and after he was sent away from Roma to AC Milan. You can bet your bottom dollar that he’d never have left the Giallorossi had it been up to him – the ferocity with which he celebrated scoring against Roma the year after he left was simply a celebration against that indifference.

In a 1980 interview by Enzo Tortora for Intrepido magazine, Ago revealed he had two dreams: “The Scudetto, which will come sooner or later, and that people who live on the outskirts of town continue to support friendship and mutual support, pushing indifference to one side…”

What to say? Perhaps it makes it easier to understand how he felt when he found himself on the outskirts of interest and memory, powerless to ask for help or to sell himself out – he had spent his whole life helping others and had never once sold himself out.

That was our captain.

The captain.

While it was Dino Viola who taught us to be proud of Roma, Di Bartolomei ensured we would be thus forever more. While it was Dino Viola who said “Roma have been released from the prison of dreams after 41 years” in Genoa back on 8 May 1983, it was Di Bartolomei who demolished those prison walls.

And while it’s true that Roma was changed by one Paulo Roberto Falcao, it’s also true that Roma will always belong to Agostino Di Bartolomei and what he came to represent – loyalty, belonging, professionalism, dedication.

ezzwpypmk665fzkz6c3v

It speaks volumes of the man that on 11 January 2015, when the Roma fans created a beautiful display of 16 of the club’s favourite sons, it was Ago’s face staring out from the very centre of the Curva.

No matter that thirty years had passed since his departure from Roma. No matter that twenty years had passed since his farewell – he was still there, in the centre of the Curva as he was in the centre of the park.

Agostino Di Bartolomei doesn’t belong to the past but to the future. Ago lives on when we speak of him and in the example he set for us. Ago lives on every time we celebrate his birthday, painful though they are.

And when, last June, the Roma youngsters started to sing “oh Agostino! Ago-Ago-Ago-Agostino go” along with the Curva Sud fans who’d made the trip to Trigoria for the Agostino Di Bartolomei tournament, Ago lived on.

Ago lives on in the flowers they gave to his wife Marisa. Ago lives on in the flag Franco Tancredi waved under the Curva Sud on the day of the Hall of Fame inductions. He lives on in the emotion etched on the faces of Francesco Totti and Daniele De Rossi when the Agostino Di Bartolomei pitch was inaugurated at Trigoria.

He lives on in the name of that pitch and in all the nameless pitches on the outskirts of Roma, where “friendship and mutual support” reign supreme over indifference.

Ago is no longer with us but neither will he ever be truly gone. Ago took us to within an inch of the ultimate glory, sticking his penalty away to light up that May night and give us the lead over Liverpool. He took us to within touching distance of our dreams – and then they drifted away.

Fast forward ten years and it was Ago himself drifting away. It was not his mistake but ours, all of ours. And perhaps it is a mistake to write that Agostino Di Bartolomei loved Roma more than his own life, that he lived for Roma, that no Roma fan should ever forget him, that we should all try to realise how much he gave us and how much we lost on that fateful morning.

Perhaps it’s a mistake, but it’s the only thing we can do.

You were the greatest, Ago.

Happy birthday, my captain.

Ago vive

È quasi un errore scrivere oggi di Agostino Di Bartolomei. Perché se è sempre vero che in ogni circostanza di commemorazione c’è il facile rischio della retorica, per Agostino che è stato l’uomo senza retorica è ancora più vero. L’uomo in più per Sorrentino – il film che gli ha dedicato il regista – e per noi – la vita che ci ha dedicato lui.

Un uomo senza posa, ma con la faccia tirata in una smorfia in una punizione con la doppia b da Dibba con la gamba perpendicolare al terreno, tirando via insieme al pallone tutto quello che c’era dietro e che spesso nascondeva. Apposta partiva così forte. Era la bomba di Ago. Il troppo che aveva dentro. Non il fiore, ma il vaso di fiori che tirò nel giro di campo di Roma-Torino e di cui ancora ne raccogliamo i cocci.

La pezza che ci è arrivata tutta insieme in una mattinata di maggio, la stessa data di quella notte, ma altre lacrime e preghiere. La smorfia che aveva quando ha abbozzato un sorriso alzando la Coppa Italia contro il Verona il 26 giugno 1984 perché era l’ultima cosa che stava facendo con la sua Roma. E nessuno di noi sapeva che non sarebbe più tornato. La Sud quella sera aveva scritto uno striscione: “Arrivederci Campione”. Ma non ci siamo più rivisti. È stato un errore persino quello.

mtwvcurg4rbnwo0ut786

“Ci hai insegnato a lottare nella maniera giusta, in campo e nella vita, hai incarnato il sogno di tutti i ragazzi di Roma…” gli scrissero i ragazzi di Roma – che all’epoca erano tutti quelli del Commando – in una lettera fattagli avere prima di quell’ultima partita e prima di srotolare un altro striscione: “Ti hanno tolto la Roma, non la tua Curva”.  Persino quello è un errore: la Roma a Di Bartolomei non gliela toglierà mai nessuno, ma lo abbiamo capito solo dopo che si è tolto la vita. E’ quasi un errore scrivere di Agostino Di Bartolomei perché la cosa giusta sarebbe solo viverlo. L’errore è stata l’indifferenza che c’è stata intorno a lui dopo che ha smesso di giocare a calcio, ma anche dopo che era stato mandato via dalla Roma (lui non se ne sarebbe mai andato via, e quell’esultanza col Milan è solo un’esultanza contro l’indifferenza). In una intervista fattagli da Enzo Tortora su un numero del mitico Intrepido del 1980 Agostino racconta di avere due sogni: “Lo scudetto che prima o poi arriverà, e che periferia significhi ancora amicizia e aiuto reciproco, mentre l’indifferenza verso gli altri regna sovrana…”. Difficile commentare. Forse più facile capire cosa ha provato quando si è trovato lui alla periferia degli interessi e dei ricordi, incapace di chiedere aiuto e di vendersi visto che aveva sempre aiutato tutti e non si era mai venduto a nessuno. Era così il nostro Capitano. Era il Capitano. Se Dino Viola ci ha insegnato a scrivere Roma in maiuscolo, Di Bartolomei è stato il carattere di quel testo. E il significato. Se Dino Viola a Genova l’8 maggio 1983 ha detto che “la Roma dopo 41 anni è uscita dalla prigionia del sogno” Agostino Di Bartolomei è quello che ha scardinato la prigione. Con una pallonata. Con un cazzotto tirato al cielo a Pisa.  Con una punizione.

Agostino Di Bartolomei è l’unità di misura della nostra storia. In lui non c’è solo la Roma più bella dell’Olimpico col sole, ma c’è pure quella di Testaccio, quella orgogliosa che torna in serie A, a Verona, quella che va in serie B una volta e per questo non si discute ma si ama. La Roma che diventa campione d’Italia allo Stadio Nazionale nel 1942 e che allo stadio Nazionale/Torino ultima in classifica a quattro giornate dalla fine viene tifata sugli spalti da Anna Magnani nel 1951. Perché quand’è così, quando sta male, Roma ha bisogno di Roma.

Ad Agostino a un certo punto è mancata Roma e nessuno gliel’ha data. Poche facce raccontano l’autenticità di Roma come quelle di Anna Magnani e di Agostino Di Bartolomei. La sua verità e anche la sua sofferenza. La sua enorme bellezza e persino la sua più grande sfibrata generosissima passione.  La troppa vita che c’è in quei  volti. Agostino Di Bartolomei  è stato la Roma che ogni volta quando è stata forte ha avuto il suo ottavo  Re di Roma (Amadei, Rocca, Pruzzo, Falcao…) e anche quella che in serie B ha avuto Tre Re come Capitano. La Roma dei Capitani. La Roma dei signori e dei popolani. La Roma delle periferie e dei sovrani. La Roma dei Romani. Agostino Di Bartolomei è in tutto questo. Lo ha nei tratti, ma senza mezzo stereotipo, senza mezzo “aho”.

ezzwpypmk665fzkz6c3v

È il capitano dei nostri capitani. È il centro di una coreografia perfetta della Curva Sud. E non è solo un modo di dire: al centro di tutti quei Figli di Roma, Capitani e Bandiere che resteranno il nostro vanto e che nessun altro potrà mai avere, i ragazzi di Roma l’11 gennaio 2015 (più di trent’anni dopo Ago, più di vent’anni dopo Ago…) c’era Agostino Di Bartolomei. Al centro della Curva così com’era al centro del campo. “In campo e fuori a incarnare i sogni di tutti i ragazzi di Roma”. Al centro del cuore. C’è sempre un Ago lì al fondo, dove appuntare uno striscione, un pianto, una bandiera, il nostro ricordo e il nostro destino: è lui che ci obbliga a tornare a quella notte. Sì, sì, non abbiamo scelta. Glielo dobbiamo. Lo dobbiamo a lui e lo dobbiamo a noi.

È questa la grandezza del suo discorso silenzioso che ancora ci parla: ha confuso i pronomi. E la cosa più bella non è che tutto questo si ripete continuamente, ma è  la speranza che tutto questo possa ripetersi. Agostino non dev’essere un discorso già fatto, ma il discorso da fare. Ago vive quando se ne parla e nell’esempio che ha dato. Ago vive ogni volta che si fa rivivere, ma non deve essere una moda o un fatto scontato. Ago vive non tanto quando oggi ne celebriamo un compleanno che per forza ci fa male, ma nei ragazzini che al Torneo Agostino Di Bartolomei a giugno dell’anno scorso si sono messi a cantare “oh Agostino! Ago-Ago-Ago-Agostino go” insieme con i ragazzi della Sud che stavano al campo Di Bartolomei. Agostino rivive nei fiori che i ragazzi hanno dato alla moglie Marisa. Ago rivive nei fiori, soprattutto in quelli senza vaso.

Ago vive nella bandiera che Franco Tancredi ha sventolato sotto la Sud nel giorno della hall of fame, nella commozione di Francesco Totti e Daniele De Rossi nel giorno in cui a Trigoria è stato inaugurato il campo Agostino Di Bartolomei. Vive nel nome di quel campo e in tutti i campetti senza nome, soprattutto in quelli di periferia dove regna ancora “amicizia e aiuto reciproco” e si prende a pallonate l’indifferenza. Agostino c’è stato prima e dopo perché continua a esserci anche adesso che non c’è più. Agostino di Bartolomei è stato e ci ha portato al punto più alto quando quella notte di maggio del 1984 è diventato luce e con quella maglietta bianca ci ha portato in vantaggio contro il Liverpool. Allo Zenit e poi ne abbiamo visto il tramonto. È stato come aver visto il Sole scegliere di morire. Dieci anni dopo. E questo è l’errore, il nostro, non il suo. Di tutti.

E allora forse scrivere e dire che Agostino Di Bartolomei ha amato la Roma persino più della sua vita, che sicuramente per la Roma ci ha vissuto, che quella mattina di merda ha lasciato una foto della Sud contro il Liverpool con un volo di colombe, che un tifoso della Roma non lo deve dimenticare mai, che deve riuscire a capire come e quanto ci ha dato, sarà forse un errore, ma è l’unica cosa che possiamo e che soprattutto dobbiamo fare.

Anche perché al suo confronto ci potevamo solo sbagliare.

Sei stato troppo amore Ago.

Auguri Capitano mio.

 

http://www.asroma.com/it/notizie/2016/04/auguri-ago-capitano-mio

L’illustrazione di Ago è stata realizzata da Forza27 per asroma.com.

La prima. L’ultima

Roma-Verona. Era il 26 giugno 1984. L’ultima partita di Agostino Di Bartolomei con la Roma. Tra i tanti striscioni quella sera in Sud ce n’era uno che recitava così: “Agostino: il nostro non è un addio… Ciao campione”. E invece la Sud quella volta si sbagliò. Ma come fai a non sbagliarti in occasioni del genere? Come fai ad alzare una Coppa quando hai perso La Coppa? Come fai a salutare il tuo Capitano per sempre? Quel giorno i ragazzi della Sud riuscirono a far avere tramite Giannini una lettera per Di Bartolomei: “Caro Agostino vorremmo piangerti in faccia, ma sarebbe giusto? Forse è meglio così, salutarsi con una lettera di tutto il gruppo… Quanto ti abbiamo ammirato, caro Ago, quanto abbiamo capito il tuo modo di essere…! Quel tuo non voler essere per forza “personaggio”… Ci salutavi alzando il braccio un po’ timido… senza troppe scene… Hai incarnato il sogno di tutti i ragazzi di Roma… Qualcuno potrebbe dire: i giocatori vanno, la Roma resta. D’accordo, ma tu non sei come gli altri per noi… sei parte di noi… Caro Ago, segna per noi oggi, ci servirà per trovare coraggio, vogliamo le tue braccia che alzano la Coppa sotto la curva, vogliamo vederti sorridere…”.

Quella sera Ago non segnò, e nemmeno sorrise perché quando alzò la Coppa aveva una specie di ghigno. Era il momento dell’addio. (…) Non rientrava più nei piani della società. Non rientrava più con la Roma… Quando entrò in campo si girò verso la Sud e lesse questo striscione rimasto famoso: “Ti hanno tolto la Roma, non la tua curva”. L’ho sempre amato questo striscione, ma anche questo adesso capisco che era sbagliato: la Roma ad Ago non gliela toglierà mai nessuno.

(Da “Le 100 partite che hanno fatto la storia della Roma”, Newton Compton)

 

coppa-italia-19846

L’ultima

…Era un 26 di giugno è stata l’ultima volta che Agostino Di Bartolomei ha giocato con la Roma. La sua maglia non aveva il suo nome, perché lui era quella maglia. L’ultima cosa che ha fatto è alzare al cielo la Coppa Italia. È l’ultima cosa che ha toccato Agostino, quella Coppa. Stella poi c’è diventato lui. E quella Stella noi non la perderemo mai…50_letteraCommanodoago

Ago puts the Scudetto almost within our grasp

roma-avellino-ago

May 1, 1983, Rome – Stadio Olimpico
Roma 2-0 Avellino
Serie A, Week 28

On this day in 1983, a match between Roma and Avellino sparked what is surely the most beautiful celebration by a Giallorossi player ever seen on the field of play.

With the scores at 1-0, Agostino Di Bartolomei thrashed a right-footed shot into the net from outside of the area to put the Giallorossi two up. As Avellino goalkeeper Stefano Tacconi watched the ball sail past him, Di Bartolomei sprinted off in impassioned, guttural celebration.

The Roma captain dropped to his knees, skidding along the grass, raising his arms and throwing his head back towards the heavens. With the emotion pouring out of Di Bartolomei and the rain lashing down – as if the Eternal City itself was shedding tears of joy with its captain – Carlo Ancelotti joined him on the turf in joyful embrace. Indelible. Unforgettable. Roman.

What a celebration. What a match. And what a season it was. Roma didn’t quite clinch the title that day, but perhaps the city was waiting for a day of splendid Italian sun to mark the Giallorossi’s eventual triumph.

Paulo Roberto Falcao had put the Giallorossi ahead in the 38th minute, helping the fans to forget about the rain and begin dreaming of the title. Indeed, as Di Bartolomei was down on his knees rejoicing, the Curva unveiled a gigantic Scudetto (shield), as if to declare the league won.

At the exact moment, Juve were losing 1-3 to Inter at the Stadio Comunale and Roma were on course to be crowned champions come the final whistle (there would have been a five-point gap with two games to go, at a time when two points were awarded for a win).

Interviewed on the pitch seconds before kick-off, Di Bartolomei had talked about finishing off the title race, and by half-time Falcao was already soaking up the unbridled adulation of the fans. Juve, of course, fought back to draw against Inter, though the match would later be awarded to Inter after Giampiero Marini had been hit by a brick before kick-off.

As for Roma, they claimed the title next time out against Genoa, though Juve’s forfeit of the match against Inter meant they were already champions when Di Bartolomei scored his unforgettable goal. When even the sky above Rome was moved by its eternal captain.

“Ritorno in paradiso”

di_bartolomei_dundee1

25 aprile 1984, Roma – Stadio Olimpico
Roma-Dundee United 3-0
Coppa dei Campioni, semifinale di ritorno

Per un’intera generazione di tifosi Roma-Dundee United è la partita più bella della storia della Roma. Sicuramente la più tifata, con uno stadio da far commuovere anche a rivederlo oggi. Sicuramente quella più importante vinta: semifinale di ritorno della Coppa dei Campioni per Club d’Europa. Sicuramente e soprattutto la più attesa: c’è stata un’intera città che ha atteso, sognato, sperato, sbuffato, contato giorni, minuti, secondi dall’andata persa incredibilmente 2-0 in Scozia a quel 25 aprile di liberazione da un’altra prigionia del sogno. Di un sogno che aveva un appuntamento con la realtà il 30 maggio nella finalissima di Roma.

Roma-Dundee United è stata la nostra finale di Coppa dei Campioni, soprattutto dopo lo 0-2 al Tannadice Park per noi quella era l’impresa da fare, rimontare due gol senza prenderne nessuno in un’epoca in cui il gol era raro come il petrolio e necessario come il pane, in un’epoca in cui – se possibile – i gol segnati in trasferta valevano più del doppio. Era un’impresa, era una finale e tutta Roma rispose presente. Un ritorno da paradiso. Un ritorno in paradiso.

I ragazzini che facevano tre con le dita della mano, gli sbandieratori del Commando il sole, Falcao, Falcao che all’andata non c’era e che tutto un popolo aspettava in campo. Quando entrò la Roma il primo coro fu proprio per Lui: “Falcao! Falcao! Falcao!”. Una specie di preghiera laica come ad appellarsi al nostro Divino. La Roma in campo fu persino più bella e più grande. Il gol annullato a Bruno Conti, la doppietta di Pruzzo mai così Bomber, mai così grande, mai così necessario, il rigore realizzato da Agostino Di Bartolomei perché era giusto che quella finale, la finale delle finali, la prendesse il Capitano. Quel Capitano. Un altro gol annullato a Conti, l’ammonizione da squalifica a Maldera di Vautrot, la gioia esplosiva e di rivincita di Nela… Sono tutte immagini che ogni romanista ha dentro. E non se andranno mai.

Ago, forever in our hearts

01-00061464000003h_mediagallery-page

April 8, 1955, Rome
Agostino Di Bartolomei is born

There is one image that explains not just who Agostino Di Bartolomei was to Roma, but indeed represents everything he did for the club. Ago would have been 60 years old today, but will instead remain forever young. The photograph in question depicts his celebration after the first penalty in the European Cup final against Liverpool on May 30, 1984. Just for that moment, Roma were champions of Europe, and Ago’s leap after scoring his penalty is the perfect representation of what is still the closest the Giallorossi have come to football’s top prize.

It’s an image that sums up everything Ago was: his Roma jersey, his captain’s armband, his Giallorossi heart and his Roman soul. When, on May 15, 1983, he led his Roma side on a lap of honour to celebrate the club’s first Scudetto win in 41 years, he left the procession for a moment to grab a vase full of flowers and launch it high into the stands. A beautiful gesture, and one that once again spoke volumes about the man.

Agostino Di Bartolomei was the captain of the best, most exhilarating, most popular Roma side in the history of the club. He was – and still is – the eternal Giallorossi captain. And not just because he’s no longer with us. As long as Roma lives on, Ago lives on in all of us. At Tre Fontane and at Trigoria, in his interviews and in his moments of silence, Ago demonstrated what Roma is all about. “Roma is the ancient heart of this ancient city, as ancient as the world itself,” he once declared. You merely had to gaze into his eyes to understand what the club meant to him. Roma was his life and he taught us to respect it and be respected, to stand up and shout our allegiance from the rooftops.

One day in 1994, Ago left us forever. From that moment, Ago has been in the hearts of us all. “There are football fans, and then there are Roma fans,” he once said. True. But there will never be a football player – a man – quite like Agostino Di Bartolomei.

Un Ago nel cuore

1dibartolomeiweb

8 aprile 1955, Roma
Nasce Agostino Di Bartolomei

C’è un’immagine che spiega non chi è stato ma cosa ha fatto per la Roma Agostino Di Bartolomei, che oggi avrebbe compiuto 60 anni ma che sarà giovane per sempre. E’ la fotografia della sua esultanza dopo il primo rigore nella finale della Coppa dei Campioni il 30 maggio 1984 contro il Liverpool. In quel momento la Roma era campione d’Europa e il salto di Agostino dopo il gol l’immagine perfetta del punto più alto raggiunto dalla Roma nella sua storia.

Ancora oggi. E’ Agostino Di Bartolomei che l’ha portata lì. Con quella maglietta bianca luce, con la fascia di capitano, col suo cuore romanista e il suo profilo da romano. Con tutto quello che era Agostino. Tanto. Con tutto quello che aveva dentro. Troppo. Quando condusse la sua squadra nel giro di campo il 15 maggio 1983 per festeggiare lo scudetto vinto dopo 41 anni tenendo, lui primo della fila, il tricolore lasciò per un attimo il lembo di quel bandierone gigantesco per prendere un vaso con dei fiori e lanciarlo in tribuna. Un vaso con dei fiori, non un fiore. E’ un gesto che racconta tanto di chi ha dato tutto per la Roma. Agostino Di Bartolomei è stato il Capitano della Roma più bella, più forte, più colta e più popolare di sempre.

Agostino Di Bartolomei è stato, è e sarà il Capitano per sempre della Roma. Non solo perché se n’è andato (perché finché vivrà la Roma vivrà Agostino) ma per come in ogni istante ha vissuto la Roma, per come ha dimostrato al Tre Fontane e a Trigoria, nelle interviste e nei silenzi, cosa sia la Roma. “La Roma è il cuore antico di questa città antica com’è antico il mondo” una volta disse. Bastava guardargli gli occhi per capire cosa fosse per lui. La Roma è stata la sua vita e lui ci ha insegnato a rispettarla e a farci rispettare, a scriverla finalmente in maiuscolo senza aver mai paura di mettere un punto ma sempre con la voglia di ricominciare. Una volta l’ha messo lui il punto e da quel momento ogni romanista avrà definitivamente e sempre un Ago nel cuore.

“Ci sono i tifosi di calcio e ci sono i tifosi della Roma” un’altra volta disse. Vero. E non ci sarà mai più nessuno come Agostino Di Bartolomei.

Kiedy kibice krzyczeli “oooch”

Pierwsze “och” wydajesz na stadionie, kiedy odkrywasz go po raz pierwszy w życiu. Kiedy odkrywasz to “coś” na końcu najwyższego stopnia trybun. To “och” wyraża zdziwienie, zachwyt. To “och”, którego nie wypowiesz głośno, a które odbierze ci słowa na całe życie. Choć jeszcze tego nie wiesz. Ponieważ potem wchodzisz i słyszysz te wszystkie “oooooochy” zanim odezwie się “ole!” towarzyszące wyczytywaniu składów. Ponieważ kiedyś byli tylko Tancerdi-OLE!, Nela-OLE! i tak dalej aż do wyczytywania piłkarzy na ławce “do dyspozycji trenera”….

Wcześniej jeszcze było “oooch” na trybunach, kiedy odrzucałeś piłkę, która w pewnym momencie spadała z nieba lub którą, co bardziej prawdopodobne, ktoś wyciągał z plecaka. I było jeszcze “och” przed wejściem na boisko, pod Distinti Sud (oczywiście). Ulubionym “och” na pewno było to, która wydobywało się ze wszystkich ust na stadionie, kiedy przez radio docierała wiadomość, że Lazio lub Juve właśnie przegrywają. Po chwili tabela na stadionie robiła “plin” i całe trybuny eksplodowały radosnym “ole!”. Tak… To “oooch”, które przechodzi w “ole!”… I jeszcze “oooch” przy rzucie wolnym, zwłaszcza kiedy mieliśmy Agostino. O tak… “ooooch” Agostino, Ago-Ago-Agostino go…I wszystkie te “och” i “ole!” w śpiewach Curva Sud (oooo-o-o-o-o-ooch, oooo-o-o-o-o-ooch, Forza la Roma, Forza la Roma, OLE!)

Jak wiele “ochów” w gardle, jak wiele zachwytu, jak wiele miłości do Romy… A wszystko rodzi się z tego “czegoś” odkrytego na najwyższym stopniu trybun. Tego czegoś, co sprawia, że kochasz, cierpisz, wściekasz się. Tego czegoś, co nauczyło się iść za czymś nawet wbrew wszystkim. Nauczyło się także protestować. Ponieważ protest może być nie tylko uzasadnionym wyładowaniem emocji, czy fizjologiczną koniecznością kogoś, kto nie daje już rady. Protest może być też formą miłości. Ale żeby protestować przeciw czemuś, najpierw musisz nauczyć się to kochać. I takie protesty wynikające z miłości są dobre (dla mnie ten obecny protest jest nawet spóźniony, ponieważ naprawdę trudno jest zaakceptować takie występy jak w meczu z Palermo, Parmą czy przede wszystkim Chievo). Jeśli kochasz Romę – wykluczając oczywiście wszelką formę przemocy – to takie zachowanie jest w porządku. Pewne rzeczy się dzieją, pewne rzeczy można zobaczyć i usłyszeć. I rozumiesz, że te rzeczy pasują do Romy, pasują do tych “och”, które każdy kibic ma wewnątrz. Może tak uda się obudzić Romę? Może Roma czekała na tę bolesną pieszczotę dźwiękową? Nauczyły nas tego lata i trybuny. Taka forma wyrażania miłości. Niezależnie od tego, że to Commando Ultra protestowało przeciw Romie.

Tak… 9 stycznia 1977 w meczu przeciw Sampdorii rodziło się Cucs. 16 marca 2015 w meczu przeciw Sampdorii ktoś zaczął wołać “oooch” w czasie ataku Sampy, czekając aż okrzyk ten przerodzi się w gromkie “ole!”, jeśli Roma straci gola… “Ole!” wywołane przez gola straconego przez Romę… Kapitanie, mój Kapitanie, zabierz nas ze sobą. 9 stycznia 1977 roku w meczu przeciw Sampdorii rodziło się Cucs. 16 marca 2015 w meczu przeciw Sampdorii coś odeszło na zawsze. Myślę, że to było właśnie to “coś”. I mam nadzieję, że pewnego dnia, uda nam się znów powiedzieć, co to jest. Albo co to było. Ponieważ było przepiękne.

© Tonino Cagnucci & http://www.asroma.pl