Libri – Tonino Cagnucci

“Il Mare di Roma”
2009 – Tonino Cagnucci
deRossi1“Daniele riceve col cuore. Roger, stop di petto, ricevuto. E lo dà alla curva. Cosa? Il pallone, il suo cuore, un altro mondo possibile. Un’emozione. De Rossi diventa il mare. Sale, s’ingrossa, cresce, tracima, straripa, dilaga, inonda, fuoriesce. Canta tutte le libertà stonate che sono le più belle, percorre ogni girotondo, urla e parte per la rivoluzione lasciando i bambini a casa per il bene del mondo; è la fanfara e la banda prima dell’ora di cena d’estate, la scuola chiusa per la finta bomba, i colori dell’edicola, il ritorno dalla prima vacanza da grande, l’ultimo autogrill prima di casa, Push dei Cure ballata di notte sui ghiacci, una scena notturna di Se mi lasci ti cancello, un valzer suonato dai Sex Pistols, Disorder dei Joy Division… E quello che racconta la sua corsa verso i tifosi della Sud. Quando è così il calcio è una bella cosa, è una bella cosa vedere un’emozione. De Rossi bacia la maglia della Roma con quella fretta, quella furia e quell’ansia che solitamente si hanno quando capitano potenziali disgrazie…”. Acquista

 

“Francesco. Totti, dai pollici al cuore”
2010 – Tonino Cagnucci
Francesco_copertina_Non solo il fuoriclasse, il capitano, il campione. Nel racconto dell’autore Francesco è anche quel bambino che comincia a giocare a pallone perché la madre non vuole fargli vedere i nonni che stanno morendo, il compagno di squadra ideale raccontato dagli amici d’infanzia, il tifoso che andava a seguire la Roma in Sud, il ragazzino che a 10 anni si rifiuta di giocare contro la Roma, che a 13 litiga con Schmeichel sotto la Sud per non ridargli un pallone perché la Roma è in vantaggio. Un viaggio alla scoperta di uno degli ultimi personaggi autentici del mondo del calcio, arricchito dalle testimonianze di molti dei personaggi che negli anni lo hanno conosciuto da vicino. Acquista

 

“Il Grifone Fragile”
2013 – Tonino Cagnucci

GrifoneFabrizio De André s’è fatto cremare con la sciarpa del Genoa. S’è nascosto il Genoa dentro al cuore. “Ma come, De André tifoso?”. È il gusto di rispondere a questo odioso stupore. Come se la cultura non fosse stare con gli occhi aperti in mezzo al mondo. Come se il calcio, un manufatto dell’umanità fatto coi piedi, non fosse arte. Come se non fossero esistiti Meroni, Cantona, Le Tissier, Maiellaro, Garrincha, Vendrame. Come se non fossero giganteschi affreschi umani le curve prima dell’avvento della Tessera del Tifoso, e come se non fosse amore quello che c’è dietro a tutto questo. È come fosse uno scandalo che non si può dire: il calcio come arte e poesia. Il pallone sta dalla parte della vita. De André come nessun altro è stato da questa parte. Fa scalpore la sproporzione fra quanto scritto sul suo cuore, alla ricerca del suo cuore, e il suo cuore semplicemente rossoblu. Come se questo non fosse un modo degno di raccontare o, peggio, di raccontarlo. È il più grande sgarbo che si possa fare a De André, lui che ha sempre cercato il vero, che spesso trovi nel basso e non nell’alto dei cieli (il Grifone simbolo del Genoa si mischia con la terra per volare), fiutando peggio di un cane frammenti di racconti perduti. Il Genoa è stato il suo pudore. In tutta la sua produzione non l’ha mai nominato. Il Genoa è stato il suo amore. E quando verranno a chiedertelo un amore così lungo tu non darglielo in fretta… Non l’hanno ancora fatto. Il vero De André apocrifo è questo. Acquista 

 

55 Secondi 
2018 – Tonino Cagnucci & Paolo Castellani

10464205_646065882156195_3475911746726668333_n

A trent’anni da quella finale di Coppa dei Campioni fra Roma e Liverpool che ha fatto storia, esce un libro che ne racconta e ricorda le pieghe meno conosciute. “Cinquantacinque secondi” la misura di un’illusione ma soprattutto dell’orgoglio. Per cinquantacinque secondi la Roma è stata Campione d.Europa, cinquantacinque secondi dopo l.ultimo rigore del Liverpool quella sera si alzò dalla curva il coro “Roma Roma”. Il libro arriva a quel rigore e riparte da quel coro. Il racconto emozionale inedito dell.avventura della Roma della Coppa dei Campioni. Una storia che inizia addirittura il 15 maggio 1974 e che trova un suo capitolo fondamentale nella finale del Liverpool col Borussia all’Olimpico nel 1977. La nascita dei cori di quella Sud che ha fatto storia, quello particolare per Agostino Di Bartolomei, il racconto di quel 30 maggio dall’alba a notte inoltrato, dalla camminata di un Capitano indimenticabile a una coreografia mai esposta. Il tutto raccontato da Tonino Cagnucci (giornalista del Romanista e scrittore alla sua quarta opera) e da Paolo Castellani (storico d’arte che tra i beni più preziosi conserva la maglia di Di Bartolomei indossata proprio quella sera). Un racconto ma anche un romanzo, un’emozione ma anche una storia dentro e fuori da quella notte di maggio. Acquista

 

Le 100 partite che hanno fatto la storia della AS Roma
2015 – Tonino Cagnucci & Massimo Izzi

le-100-partite-che-hanno-fatto-la-storia-della-as-roma_7238_x600Cento partite, cento indimenticabili episodi scolpiti negli annali della storia giallorossa. Cento emozioni, da rivivere attraverso la descrizione degli autori, e le rare foto dell’epoca, spesso inedite. Cento partite, ma avrebbero potuto essere mille, frutto di una scelta laboriosa e in alcuni casi sofferta. Si va da Roma – UTE del 17 luglio 1927 (esordio assoluto della prima squadra giallorossa), ai match che sancirono la conquista degli scudetti giallorossi (Roma – Modena del 14 giugno 1942, Genoa – Roma dell’8 maggio 1983 e Roma – Parma del 17 giugno 2001), alle gare che hanno segnato i record più duraturi del Club (Roma – Cremonese 9-0 del 13 ottobre 1929 o Roma – Altay 10-1 del 7 novembre 1962) per arrivare a toccare gare che hanno rappresentato uno snodo significativo nella memoria collettiva del tifo giallorosso (Roma Colonia dell’8 dicembre 1982, Roma IFK Goteborg del 14 settembre 1983, Roma Brondby del 24 aprile 1991). Tante partite imprescindibili e alcune “sorprese” (Roma – Ajax del 9 febbraio 1997), di cui si potranno scoprire retroscena e curiosità. Cento sfide che, per il loro valore intrinseco, riescono in qualche modo a evocare e a riassumere in sé tutte le altre partite dell’inimitabile storia giallorossa. Acquista

 

 

“Figli di Roma, capitani e bandiere”
2016 – Tonino Cagnucci (illustrato da Fabio Redaelli)

figli-di-roma-capitani-e-bandiere_8506_x1000La poesia di una squadra campione che aveva come attaccante un ragazzino che portava il pane e un portiere che quando venne per la prima volta a Roma salì a San Pietro e vide il mare. Giuliano Taccola, il nostro eroe tragico. Rodolfo Volk, il nostro attaccante futurista. Un gigante di nome Giacomino Losi, la santità di Ferraris IV, capitano che giocava a tutto nella vita perché solo la Roma era sacra; la superiorità di Bernardini che pagò per andarsene dalla Lazio mentre Carpi per la Roma giocava gratis. L’esempio di Rocca in Curva sul muretto contro il Liverpool. La romanità assoluta di De Micheli e De Sisti, le corse ragazzine di Conti, l’attaccamento di Giannini, la poesia sanguigna di De Rossi, il tutto di Totti. Il racconto di uomini che spiegano perché un tifoso della Roma si sente privilegiato e perché la fede romanista è un vanto che nessun altro potrà mai avere. Acquista

 

“Dimmi cos’è”
2017 – Tonino Cagnucci & Luca Pelosi

6181415a5f1230112ae21cd5e5143fc747b7f0ebLa Roma come non ve la hanno mai raccontata. Agostino Di Bartolomei accompagna un bambino in un viaggio fantastico attraverso illustrazioni, disegni d’autore e foto inedite. La Roma come non ve l’hanno mai raccontata,
Agostino Di Bartolomei come non lo avete mai visto. Lo storico e indimenticato capitano della Roma accompagna un bambino in un viaggio fantastico nella storia della Società, che in quest’annata celebra i 90 anni dalla fondazione. È proprio Ago, dopo aver raccolto un pallone calciato dal piccolo calciatore che indossa la maglia giallorossa, a fargli vivere la storia della sua squadra non solo attraverso il ricordo dei campioni, dei successi e dei momenti più significativi, ma soprattutto con le emozioni, i valori e i sentimenti che la Roma, dalle sue origini fino al commovente saluto di Totti al termine dello scorso campionato, ha generato nei suoi tifosi. Illustrazioni, disegni d’autore, foto inedite impreziosiscono un libro fatto per far battere il cuore a tutti i romanisti. Perché, come spiega lo stesso Di Bartolomei nel corso del racconto, “la Roma è una questione di cuore”. Acquista
Annunci