Quando la bandiera sventola sulle notizie

Alle pagine 10 e 11 trovate un’intervista esclusiva al ministro dello Sport, Luca Lotti, che parla dello Stadio,rinnovando l’intenzione di farlo, e, soprattutto, delle barriere («è stata la Roma che si è impegnata per rimuoverle»).

Per il Romanista è sempre un’apertura, dovrebbe esserlo per qualsiasi testata, soprattutto per chi ha raccontato su questa storia delle barriere, per un anno e mezzo, delle fantomatiche e improbabili complicità fra l’Associazione Sportiva Roma e le Istituzioni andando ad allargare una frattura già in parte esistente fra una parte dei tifosi e la società (quella sì che è stata una saldatura fatta per dividere da parte di qualcuno…).

Nel paginone successivo (12-13) c’è un bellissimo reportage su Campo Testaccio, sulla necessità di riqualificarlo, farlo rivivere, sul fatto che s’intravedono spiragli per poterlo fare: Campo Testaccio è un sogno e una necessità per questa città, una campagna da fare insieme.

Prima per 9 pagine c’è solo Roma (c’è solo la Roma sempre), c’è persino lo sfizio di Francesco Totti che ha iniziato il corso d’allenatore proprio a Trigoria, oltre alla fastidiosa notizia del risentimento muscolare per Patrik Schick…

Ci sono le parole di Lorenzo Pellegrini, quelle di Kevin Strootman, gli scatti delle bellissime maglie delle nostre origini , l’intervista a Ciccio Desideri su Marco Baroni, la storia dei biglietti per Benevento che è sempre, sempre, sempre una notizia importante perché riguarda i tifosi della Roma, eccetera eccetera.

Le notizie non mancano e probabilmente domani Daniele De Rossi nemmeno giocherà dal primo minuto al Vigorito di Benevento, però se al quinto giorno de il Romanista Daniele De Rossi non finisce in copertina vuol dire che il Romanista è un giornale sbagliato. Almeno per me. Daniele De Rossi è la Roma. Come Francesco Totti. Come Agostino Di Bartolomei. Come Giacomo Losi. Come Amedeo Amadei. Come tutti quei figli di Roma Capitani e bandiere che saranno sempre il nostro vanto e sempre quello che quegli altri non potranno mai avere.

Una bandiera ogni tanto va sventolata. Oggi Daniele De Rossi va in copertina solo per questo motivo. Nient’altro. Anzi, parafrasando, scusate il ritardo. Daniele De Rossi non va in copertina de il Romanista perché è una notizia ma perché Daniele De Rossi è il romanista. De Rossi non è mai giornalismo, è romanismo. De Rossi è insieme Testaccio e la lotta alle barriere, è la maglia delle origini e una trasferta libera…

La linea editoriale de Il Romanista è il sentimento, De Rossi ci è cascato dentro da ragazzino. E noi, come lui, non ci siamo ancora asciugati. Quando parlate della Roma dovete stare zitti: De Rossi non ha mai detto una parola sulla Roma. L’ha incarnata. L’imbecille in questo caso è chi guarda la luna.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...