Mille e un motivo per battere il Milan

Roma-Milan è tanti Roma-Milan. Il primo che viene alla mente è l’ultima partita di Franco Baldini da romanista. Era il 20 marzo 2005, alle 18.28 Baldini entrò a registrare a via Teulada la puntata di “Parla con me”, circa un’ora dopo si dirigeva verso l’Olimpico. In tribuna era seduto una fila dietro a Franco Sensi. C’è una foto che immortala quel momento,con il direttore che si sporge verso i presidente e sembra chiedergli: “Parla con me“. Roma-Milan è un discorso interrotto. Quello per antonomasia nei silenzi di Agostino: Roma-Milan è il viaggio che non avrebbe mai dovuto fare.

Ciao grande immenso Agostino Di Bartolomei. Roma-Milan è un saluto a tanti ex diversi,  della storia: Liedolm, Nils Liedholm su tutti, Carlo Ancelotti, Aldo alè Aldo Maldera, Nordahl, Schiaffino, Ghiggia, Sormani, Prati, Cudicini, Vierchowod, Collovati, Buriani, Turone, fino ai Massaro ai Panucci e ai Cafu, fino a Cassano e Aquilani che ex non avrebbe mai dovuto essere. Mexes non ci sarà ed è meglio per tutti: quelle lacrime con la Sampdoria somigliano troppo a quelle altre di Emerson poi depresso perché gli mancava il sole di Torino.

E di Milano. Troppi doppi ex. Troppe magliette. Ma Roma-Milan è stata e per noi sarà ancora la sfida delle bandiere, quella ammainata con rancore a casa sua da Paolo Maldini, quella che sventola fiera diFrancesco Totti. Un uomo, una maglia, una squadra. Oggi ci sarà Daniele De Rossi a portarla alta in campo. Un altro uomo, la stessa maglia, la stessa bandiera. Mille altre saranno intorno. Tanti Roma-Milan giocano in questo Roma-Milan, c’è anche Luis Enrique che rivede, sopra il gomito alto, Tassotti dai tempi di Usa ’94 (forse gli americani qui sono sbarcati apposta): la gomitata gliela può pure perdonare, meno il suo passato laziale. Roma-Milan è oggi, adesso, tra poco, eccolo, ore 18 in questo stadio e intorno quelle mille e mille bandiere. C’è stato un tam tam in settimana: “Vieni allo stadio con una bandiera“. Un’altra cosa da romanista, un’altra cosa romantica, di un calcio che non c’è più se non nel cuore della Curva Sud: che non fa scenografie al calcio moderno, né moine alle televisioni, e dopo i fumoni del derby , tira fuori lo spettacolo sempre e soltanto dal vecchio armadio della nonna. Quanto calcio c’è sotto quella polvere: ci trovi il pallone. L’ultima volta qui loro si permisero di diventare Campioni d’Italia proprio qui. Se non un’onta, sempre qualcosa da spazzare via. A colpi di vento. Di bandiera. A colpi di Roma, colpita ma non affondata a Genova: oggi sarà un Roma-Milan affascinante e rischioso, affascinante perché la Roma si gioca tanto e niente. Tanto perché vincere contro loro (perché il Milan per “noi” sarà sempre un “loro”) significherebbe girarla del tutto questa rivoluzione. Niente, perché la rivoluzione continuerebbe comunque, e comunque continuerà.

Altro che mulini a vento, i milioni e le televisioni di Berlusconi, i blasoni e le tradizioni. Sempre dalla parte di Spessotto – direbbe il poeta – cioè dalla parte della scucchia sbarazzina di Luis Enrique contro la pelata di Galliani, dalla parte della poesia di Sabatini e non delle chiamate di Meani, dalla parte di chi combatte la Tessera del Tifoso e non da Maroni che oltre a fare il ministro di questa repubblica è milanista.
Dalla parte di Baldini che ha girato quasi come i sette messaggeri di Buzzati sette anni per tornare a giocare questa stessa partita, lastessa partita, sempre da questa parte. Roma- Milan è tanti Roma- Milan,ma sempre da questa parte ci troverete: quella dichiva allo stadio con un sentimento da vivere. Portandosi dietro una bandiera.

Annunci

Informazioni su Tonino Cagnucci

Romanista. Papà di Lorenzo

Pubblicato il 29 ottobre 2011, in Articoli con tag , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: