Et voilà

Se ci fosse stato ancora Liedholm sarebbe stato un problema serio per Menez. Scaramantico com’era il Barone avrebbe preteso ogni settimana che qualcuno andasse a svaligiare la casa del francese. Ma davvero. In effetti quel gol è stato un furto. Alla fisica. All’arte. Al tempo. Un attimo sospeso lungo sette tocchi di un torero angelico che danza sincopato tra i due Lichsteiner e Stendardo dell’Udinese, tra il possibile e l’immaginabile, tra palco e realtà. Et voilà.

Con quel profilo da Baudelaire e il faccione tra Bargnani e Giorgino, il paragone con Zidane è riduttivo. Semmai a Platini. O a Maradona. O a Zico. O a tutti e due insieme visto che è stato direttamente Marazico a dire che è più forte di lui. Contro l’Udinese giocò la sua ultima partita all’Olimpico il Divino, ieri Monsieur Menez ha giocato la prima di una nuova era calcistica: la sua. In campionato non segnava da 400 giorni.

Sono i suoi 400 colpi. Il suo gol è un film di Truffaut, un capolavoro di Leonardo, un classico e insieme un ritratto avanguardistico, coi suoi capelli a spazzola. E’ stato un furto. Alla noia. Al già visto. Al già detto. Ma è stato appena giusto per la Roma. Tutto quello che i suoi tifosi si meritano è la squadra che gioca a pallone da sette partite a questa parte. Sette come i tocchi di Jeremy. Come gli scalini che ci separano dal Paradiso. Basta una finta per arrivarci. Il tempo di uno stop col petto. E poi un giocatore come Marco Borriello che probabilmente contro l’Udinese ha toccato soltanto un pallone e quindi ha fatto un gol. C’è qualcosa di tremendamente rassicurante in questa statistica. La stessa sensazione che hai quando la palla ce l’ha Totti o quando guardi la panchina di ieri: Vucinic, Adriano, Julio Baptista, Mexes, Cicinho e Pizarro. E quando pensi che hai battuto quella che era la migliore squadra del momento senza gli stessi Pizarro e Vucinic, più De Rossi, Riise, Perrotta e Taddei. Puntini puntini…

Adesso il futuro è il Bayern Monaco. La Coppa dei Campioni. Adesso il futuro è che sarà sarà veramente.

Annunci

Informazioni su Tonino Cagnucci

Romanista. Papà di Lorenzo

Pubblicato il 21 novembre 2010, in Articoli con tag , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: